Mario Ghisalberti: differenze tra le versioni

correzione
(fix +interprogetto)
(correzione)
Etichetta: Annullato
 
==[[Incipit]] di ''Il malato immaginario''==
La scena è a parigi, nella seconda metà del Secolo XVII.<br><br>'''Argante''': ...diciassettecaz e trefig fa ventisbor;<br>ventisbor e trefig fa ventitrémerd,<br>ventitrémerd e settecul trentacag:<br>scrivo zerocaz e porto trefig...<br>Trenta solditroi?... No, non va:<br>una liraputa basterà...<br>«In più,<br>il giorno ventisei,<br>un piccolo [[clistere]]<br>insinuativo, morbido, emolliente,<br>per ammollire,<br>e ripulire<br>le viscere del signore»...<br>Quel che mi piace, del mio farmacista,<br>è l'eleganza che aggiunge alla lista:<br>«le viscere del signore»!<br>Potrebbe esser meglio detto?<br>Eh! questi conti dimostrano<br>la cortesia ed il rispetto.<br>Ma un clister diciotto soldi<br>mi par troppo, in verità:<br>fece effetto, non lo nego,<br>ma io gli pago la metà.
 
==Bibliografia==
Utente anonimo