Relativismo: differenze tra le versioni

453 byte aggiunti ,  4 mesi fa
Giovanni Marchesini (filosofo)
(Giovanni Marchesini (filosofo))
 
* In una società e in una cultura che troppo spesso fanno del relativismo il proprio credo – il relativismo è diventato una sorta di dogma –, in una simile società viene a mancare la luce della verità, anzi si considera pericoloso parlare di verità, lo si considera "autoritario", e si finisce per dubitare della bontà della vita – è bene essere uomo? è bene vivere? – e della validità dei rapporti e degli impegni che costituiscono la vita. ([[Papa Benedetto XVI]])
*La migliore definizione di relativismo è quella di Assolutizzazione Unilaterale di uno dei due poli (in correlazione essenziale) di Assoluto e di Relativo. ([[Costanzo Preve]])
*La pretesa d'insediare l'Assoluto là dove domina il relativo conturba [...] e corrompe gli uomini disgregandoli fra mille acri contese, mentre è certo che la concezione serena e profonda del relativismo, caratteristico d'ogni fede, e garanzia ineccepibile della sua purezza e sincerità, può lenire le asprezze del dissenso, spingendo gli uomini verso una generosità calma, pronuba di una suprema unità ideale. ([[Giovanni Marchesini (filosofo)]])
* Nessuna conclusione è certa: ogni asserto umano, quale che sia la sua struttura, è provvisorio e suscettibile di controversie. Relativismo? Certamente. Solo gli dei promulgano verità non negoziabili. Gli umani, invece, fabbricano teorie per meglio adattarsi al loro ambiente. ([[Enrico Bellone]])
 
===[[Giulio Giorello]]===
35 752

contributi