I figli di nessuno (film 1951): differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
(Creata pagina con "{{Film |titolo italiano = I figli di nessuno |titolo alfabetico = Figli di nessuno |immagine = Figlidinessuno.png |didascalia = Yvonne Sanson e Amedeo Nazzari, foto di scena del film |genere = drammatico/sentimentale |regista = Raffaello Matarazzo |soggetto = Ruggiero Rindi, Vittorio Salvoni |sceneggiatore = Aldo De Benedetti |attori = *Amedeo Nazzari: Guido Carani *Yvonne Sanson: Luisa Fanti / suor Addolorata *Françoise Rosay: cont...")
 
mNessun oggetto della modifica
*[[Nino Marchesini]]: dottore
*[[Rita Livesi]]: suora
* [[Giulio Tomasini]]: Antonio
*[[Enrico Olivieri]]: Bruno Carani
*[[Rosalia Randazzo]]: Anna Carani
 
==Dialoghi==
*'''Contessa''': Padre, debbo liberare la mia coscienza da un peso, un peso tremendo. Ma ho paura di quanto sto per dirvi.<br>'''Don Demetrio''': Non temete, voi parlate al ministro di Dio, il segreto della [[Confessioni dai film|confessione]] è sacro, nessuna forza umana può costringerci a violarlo. Parlate con fiducia.<br>'''Contessa''': Padre, ho peccato d'orgoglio. Per raggiungere il mio scopo non ho indietreggiato dinnanzi a nulla, sono stata implacabile! No, non mi guardate, vi prego, altrimenti non ho più il coraggio di continuare. Io devo dire tutto. Padre, ricordate Luisa, la figlia del povero Bernardo?<br>'''Don Demetrio''': Luisa...<br>'''Contessa''': Ebbene, io le ho fatto del male. Ma non l'ho fatto per odio contro di lei, ma perché credevo di agire per il bene di mio figlio.<br>'''Don Demetrio''': Luisa ormai è votata al Signore. Ella ha perdonato a tutti, anche lei pregherà per voi.<br>'''Contessa''': No, no, lei non sa, non sa niente. Se sapesse, mi maledirebbe.<br>'''Don Demetrio''': Ma che cosa dite?<br>'''Contessa''': È il bimbo che ha pianto per morto... è vivo! Io gliel'ho tolto. Pensavo che fosse di ostacolo alla felicità di mio figlio e l'ho fatto rapire da Anselmo. Poi c'è stato l'incendio e l'hanno creduto morto, anche Luisa.<br>'''Don Demetrio''': E dov'è ora quel bambino?<br>'''Contessa''': È in collegio. Vi è stato... vi è stato messo sotto altro nome. Anselmo si è incaricato di tutto. Per rimediare come posso a tutto il male che ho fatto, ho lasciato parte dei miei beni a questo povero ragazzo. Troverete tutto nel mio testamento, là nello scrittoio.<br>'''Don Demetrio''': Ma non basta! Voi dovete resituirerestituire quel bambino a suo padre e far conoscere a tutti la verità.<br>'''Contessa''': Ah no, no, no, no, finché sarò viva.! Ah no, non mio figlio, non potrebbe mai perdonarmi tutto il male che ho fatto. Ormai è la fine, ditemi che Dio mi perdonerà, per il mio pentimento, per lo strazio di questa mia agonia.<br>'''Don Demetrio''': Pregate, confidate nella infinita misericordia di Dio.
 
==Citazioni su ''I figli di nessuno''==