Differenze tra le versioni di "Nina Siciliana"

+1, trascritta secondo lo il modello in uso per i versi: <poem> </poem> è impiegato solo per incipit ed explicit.
(no stub)
(+1, trascritta secondo lo il modello in uso per i versi: <poem> </poem> è impiegato solo per incipit ed explicit.)
dovrò dunque lasciar sì degna impresa?
</poem><ref>Al Petrarca; citato in Luigi Cancrini, ''Gemme o collezione di poetesse italiane antiche e moderne dal 1290 al 1855'', Napoli, 1855, [https://archive.org/details/bub_gb_H_4_qDMMO5AC/page/n15/mode/1up Nina Siciliana, p. 2].</ref>
 
*''Tapina me che amava uno [[sparviero]], | amaval tanto ch'io me ne moria; | a lo richiamo ben m'era maniero, | ed unque troppo pascer nol dovria. || Or è montato e salito sì altero; | assai più altero che far non solia; | ed è assiso dentro a un verziero, | e un'altra donna l'averà in balìa. || Isparvier mio, ch'io t'avea nodrito; | sonaglio d'oro ti facea portare, | perchè nell'uccellar fossi più ardito. || Or sei salito siccome lo mare, | ed hai rotto li geti<ref>Lacciuoli di pelle che vengono legati ai piedi dei falconi o di altri rapaci. {{cfr}} Francesco De Sanctis, ''Storia della letteratura italiana'', vol. I, p. 18, nota 1.</ref>e sei fuggito, | quando eri fermo nel tuo uccellaro.''<ref>''Lamento d'amore tradito'', citato in [[Francesco De Sanctis]], ''Storia della letteratura italiana'', Cav. Antonio Morano, Napoli, 1890<sup>4</sup>, vol. I, [https://it.wikisource.org/wiki/Lamento_d%27amore_tradito p. 18].</ref>
 
==Citazioni su Nina Siciliana==