Mariomassone

Iscritto il 6 gen 2011
lingua veneta, non pertinente
(lingua veneta, non pertinente)
'''Emilio Teza'''
 
==Citazioni==
*Anche fra noi la volpe mostra la sua zampa; ma viene di Francia; come di Francia tornò alla gente che pare la vedesse nascere. Certo la tradizione di Rainardo non si diffuse nella nostra letteratura, né durò lungamente; bensì, nel tecento almeno, fu cantata nelle regioni orientali dell'Italia superiore. (p. 6)
*Non c'è bestia che non abbia a lagnarsi di Rainardo. (p. 7)
*
 
==''Rainardo e Lesengrino''==
===Incipit===
D'una festa del'Asansion | Che monsignor sire Lion | Vol gran cort tenir de so bernazo | De bestie demestege e salvaze. | Non è grande né menor | Che tote no vegna alo segnor: | Ché lo segnor vol corte tenir | E raxon fa[r] e pla oldir. | Le bestie ben le sete cento parte, | Tote se lomenta di Raynald: | Un Chantecler malvolenter, | E Lesengrin de soa moier. | «Nobel Lion, per Deo merzé, | De Raynaldo fa raxon a mi: | De quel sperzora e ganaor | Ch'é palexe laro e traytor. | El no ten né fe né sagramento | Ni lealtà per nesun tenpo, | Ma d'ogna cosa fa felonia: | E'l speza tuta la conpagnia». | E Lisengrin, ch'el re no l'ama, | Davanti lo Lion sì se regama: | «Nobel Lion, per Deo merci, | De Raynaldo fa raxon a mi: | Ch'el m'à honi de mia muier | De Lesengra [ch'è] mi river: | A Malpertuso che la trova | A mal so gra' che la sforza». (I, 1-28; pp. 27-29)
 
===Citazioni===
*Or parla Gilberto li tason, | Che de Raynaldo è conpagnon: | «Nobel Lion, per Deo merzé, | Vu devi'ben intender mi. | Molte false lamentaxon | Fi fate davant vu, baron. | Tal se lament de Raynaldo, | S'el fose qui in questa parte, | Za no avrìsi ste parole creere, | Ch'el se n'avrave ben ascoder; | Mo sì dis pur a la soa parte | Perché 'l no è qui lo Raynaldo. | E digo a voi, chotal segnor, | No me 'l mest' in bando morto; | Ché voio essere so churaor, | Davanti voi manlevaor: | De qui a tri zorni lo farò venir | A raxon far e pla oldir. | Asa' à 'l plu a domandar | Ch'el no de' ad altru' dare». (I, 61-80; pp. 31-32)
*E Raynaldo era in una montagna | Che de le altre bestie no se lagna. | Quindexe porte à per entret | E altretante per eschanper: | E le ben perchaza la noite | De manzer, a gran desoit, | Sete galine e un chapon | E un chantacler ch'è bel e bon. (I, 92-99; p. 33)
*Se me voli' a forza far manlevaxon, | Sì ve romagno l'obligaxon. (Raynaldo, I, 126-127; p. 34)
*
 
===Explicit===
 
==Bibliografia==
*[[Emilio Teza]], ''[https://archive.org/details/rainardoelesengr00teza/page/n87/mode/2up Rainardo e Lesengrino]'', Pisa, Tipografia Nistri, 1869.
 
==''Il tramonto della democrazia''==
22 249

contributi