Ibrahim Rugova: differenze tra le versioni

1 009 byte aggiunti ,  1 anno fa
(→‎Citazioni di Ibrahim Rugova: lavoro in corso, torno subito)
 
 
==Citazioni di Ibrahim Rugova==
{{Int|Da [http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,8/articleid,0482_01_1999_0089_0008_22548746/ ''La profezia del filosofo di Pristina'']|Da interviste compilatedi daMarie-Françoise EditionsAllain Fayarde Xavier Galmiche nei primi anni novanta compilate da Editions Fayard , riportati ne ''La stampaStampa'', 1 aprile 1999.}}
*La situazione economica nel Kosovo era estremamente difficile. Era la regione più povera dell'ex Jugoslavia. Non c'era lavoro e molti albanesi, a partire dagli Anni 70, sono andati a lavorare all'estero - in Svizzera, in Germania. Questo ha contribuito a mantenere l'equilibrio sociale. Tra le nostre rivendicazioni, ovviamente, c'era la richiesta di una settima repubblica, richiesta formulata fin dal '68, ma la rivolta era innanzitutto sociale, economica. Solo in seguito si è voluto darle un senso politico. Di fatto, eravamo stanchi della corruzione dei dirigenti comunisti dai quali dipendevano tutti i posti di lavoro. Questa situazione economica difficile spiega in parte anche la partenza di molti serbi verso regioni più ricche, come la Voivodina. Pare che, tra l'81 e il '91, abbiano lasciato il Kosovo in ventimila. Se oggi ci sono dei serbi che lasciano il Kosovo, non è a causa della pressione albanese.
*Se in Kosovo scoppia un conflitto, sarà un massacro, una catastrofe per tutti. La situazione dipende dalla Serbia. Forse un giorno la corda si spezzerà e la gente ricorrerà alla violenza, con tutti questi militari e civili serbi molto ben armati. È di là che viene il maggior pericolo. Siamo arrivati al punto in cui non si possono fare manifestazioni pacifiche, perché è troppo pericoloso uscire in strada. Se uccidono cento persone in una volta, il popolo risponderà e sarà preso nell'ingranaggio. E se succede qualcosa, sarà più tragico che in Bosnia e in Croazia. Perché i croati avevan una polizia, una difesa territoriale, esattamente come la Bosnia, mentre noi siamo totalmente privi di difese.
*Se {{NDR|i serbi}} vogliono provocare un conflitto, possono sacrificare 20 mila serbi. È una follia, ma possono sacrificarli per ottenere il territorio. Perché adesso pensano in termini di territorio e non di economia e neanche di esseri umani.
 
{{Int|Da [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/03/19/vogliamo-indipendenza.html ''Vogliamo l'indipendenza'']|Intervista di [[Amir Taheri]], ''la Repubblica'', 19 marzo 1998.}}
25 550

contributi