Differenze tra le versioni di "Lettera a Filemone"

nessun oggetto della modifica
m
 
==[[Incipit]]==
[[File:Comentario de Lutero sobre la Epístola a Filemón.jpg|thumb|upright=0.75|left|Commento di [[Lutero]] sullaalla ''Lettera a Filemone'']]
 
[[Paolo di Tarso|Paolo]], prigioniero di [[Gesù|Cristo Gesù]], e il fratello [[Timoteo (discepolo di Paolo)|Timòteo]] al nostro caro collaboratore [[Filemone (Nuovo Testamento)|Filèmone]], alla sorella Appia, ad [[Archippo di Colossi|Archippo]] nostro compagno d'armi e alla comunità che si raduna nella tua casa: grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo. Rendo sempre grazie a Dio ricordandomi di te nelle mie preghiere, perché sento parlare della tua carità per gli altri e della fede che hai nel Signore Gesù e verso tutti i santi.
 
==Citazioni==
*Rendo sempre grazie a Dio ricordandomi di te nelle mie preghiere, perché sento parlare della tua carità per gli altri e della fede che hai nel Signore Gesù e verso tutti i santi. La tua partecipazione alla fede diventi efficace per la conoscenza di tutto il bene che si fa tra voi per Cristo. La tua [[carità]] è stata per me motivo di grande gioia e consolazione, fratello, poiché il cuore dei credenti è stato confortato per opera tua. (4 – 7)
*[...] ti prego dunque per il mio figlio, che ho generato in catene, [[Onesimo di Bisanzio|Onesimo]], quello che un giorno ti fu inutile, ma ora è utile a te e a me. Te l'ho rimandato, lui, il mio cuore. Avrei voluto trattenerlo presso di me perché mi servisse in vece tua nelle catene che porto per il vangelo. Ma non ho voluto far nulla senza il tuo parere, perché il bene che farai non sapesse di costrizione, ma fosse spontaneo. Forse per questo è stato separato da te per un momento perché tu lo riavessi per sempre; non più però come schiavo, ma molto più che schiavo, come un fratello carissimo in primo luogo a me, ma quanto più a te, sia come uomo, sia come fratello nel Signore. Se dunque tu mi consideri come amico, accoglilo come me stesso. E se in qualche cosa ti ha offeso o ti è debitore, metti tutto sul mio conto. (10 – 1318)
 
==[[Explicit]]==
Ti saluta [[Epafra]], mio compagno di prigionia per Cristo Gesù, con [[Marco evangelista|Marco]], Aristarco, [[Dema]] e [[Luca evangelista|Luca]], miei collaboratori.<br>
La grazia del Signore Gesù Cristo sia con il vostro spirito.
 
==Bibliografia==