Differenze tra le versioni di "Conservatorismo"

+1.
(+1.)
*Il conservatore è un freno all'[[utopia]] e agli utopisti, che s'innamorano di cose e di idee mai sperimentate e che, quando si realizzano, si rivelano ben diverse da come se le immaginavano. ([[Giuseppe Prezzolini]])
*Il conservatore bilancia la fretta con la lentezza, il locale col globale, l'artificiale col naturale, la novità con la memoria, la mobilità con le radici. E ciò corrisponde a un'esigenza biologica poiché abbiamo bisogno sia di novità e fratture che di sicurezze e persistenze. Il conservatore è realista, ha senso della misura, dei limiti e dei confini, sa che la vita inspira ed espira, ha sistole e diastole, è andata e ritorno. ([[Marcello Veneziani]])
*Il conservativismo ha per sé l'eternità... Esser conservatori non significa essere attaccati a ciò che è stato, ma vivere partendo da ciò che sempre vale. ([[Arthur Moeller van den Bruck]])
*Il [[pragmatismo]] è conservatorismo sotto la veste dell'azione. Esso conserva l'esistente, nel mentre che dà l'impressione di movimento.<br>Il massimo di cambiamento prodotto dai pragmatici consiste nello scavare una buca per riempirne un'altra – una terapia dell'occupazione anziché occupazione, un gioco a cambiare anziché cambiamento. ([[Ralf Dahrendorf]])
*Le tendenze conservatrici delle chiese ufficiali non sono mai riuscite a sopprimere la tendenza del [[cristianesimo]] al sovvertimento della storia. Tutti i movimenti [[rivoluzione|rivoluzionari]] dell'Occidente ne dipendono, che lo sappiano o no. ([[Paul Tillich]])