Differenze tra le versioni di "Giacomo Bonafede Oddo"

→‎Mente e cuore: Richard Cobden
(→‎Mente e cuore: il bello della natura)
(→‎Mente e cuore: Richard Cobden)
 
*Il bello della natura è legato al bello morale; a chi conosce il primo non può restar nascosto il secondo. (p. 25)
 
*[[Richard Cobden|Riccardo Cobden]] non appartiene all'Inghilterra; egli appartiene all'umanità, e studiò, e lavorò, e sudò per essa.<br>Egli non aveva una missione limitata né ad un paese né ad un'epoca.<br>Le sue teorie appartengono al mondo tutto, e come nel presente così nell'avvenire. Egli redense<ref>Nel testo "redenze".</ref> dalla povertà e dalla miseria il popolo angariato dall'aristocrazia, asciugò le lagrime di tanti afflitti, portò l'abbondanza nella casa dell'operaio, rese prospera e lieta la vita di chi suda nell'onesto lavoro. (p. 36)
 
*[[Carlo Blasis|Carlo De Blasis]] creò un genere artistico a sé, pieno di sentimento, di espressione, di poesia o di un'effetto pittoresco, e perciò fu considerato capo scuola. Ebbe molti imitatori; ma niuno più di lui possedé il genio dell'arte sua. Ne estese i limiti e l'innalzò al rango delle arti imitatrici, fondandola sovra gli stessi principii, dandole l'eguale importanza, fissandone il medesimo scopo. (p. 103)
28 643

contributi