Differenze tra le versioni di "Lorenzo de' Medici"

Citazioni da Corinto.
(→‎Altri progetti: +categoria)
(Citazioni da Corinto.)
*''Dica pur chi mal dir vuole, | noi faremo e voi direte.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/IX. Canzona delle cicale|Canzona delle cicale]]'', vv. 31-32)
*''Se ci è alcuna a chi la fava piaccia, | la meglio infranta abbiam che ci si faccia, | con un pestel che insino a' gusci schiaccia, | ma a menar forte ell'esce de' mortai.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/XI. Canzona de' fornai|Canzona de' fornai]]'', vv. 11-14)
 
==''Poemi''==
{{Int|''Corinto''|}}
 
===[[Incipit]]===
<poem>La luna in mezzo alle minori stelle
chiara fulgea nel ciel quieto e sereno,
quasi ascondendo lo splendor di quelle:
 
e 'l sonno aveva ogni animal terreno
dalle fatiche lor diurne sciolti:
e il mondo è d'ombre e di silenzio pieno.
 
Sol Corinto pastor ne' boschi folti
cantava per amor di [[Galatea (Nereide)|Galatea]]
tra' faggi, e non v'è altri che l'ascolti:
 
né alle luci lagrimose avea
data quïete alcuna, anzi soletto
con questi versi il suo amor piangea:
 
O Galatea, perché tanto in dispetto
hai Corinto pastor, che t'ama tanto?
perché vuoi tu che mora il poveretto?
 
Qua' sieno i miei sospiri e il tristo pianto
odono i boschi, e tu, notte, lo senti,
poi ch'io son sotto il tuo stellato ammanto.</poem>
 
===Citazioni===
*''''Io so che i [[verso|versi]] posson, se li sente, | di cielo in terra far venir la luna. || I versi feron già l'itaca gente | in fere trasformar ne' verdi prati: | rompono i versi il frigido serpente. || Adunque e rotti versi e non ornati | daremo al vento; ed or ho visto come | saranno a lei li miei pianti portati. || L'aura move degli arbor l'alte chiome, | che rendon mosse un mormorio soave, | ch'empie l'aere ed i boschi del suo nome: || se porta questo a me, non le fia grave | portar mio pianto a questa dura femmina | per gli alti monti e per le valli cave, | ov'abita [[Eco (mitologia)|Eco]] che i miei pianti gemina: | o questo, o il vento a lei lo portin seco: | io so che 'l pianto in pietra non si semina. || Forse ode ella vicina in qualche speco. | Non so se sei qui presso: so ben ch'io, | fuggi dove tu vuoi, sempre son teco.'' (p. 50)
 
*''Se 'l tuo crudo voler fosse più pio, | s'io ti vedessi qui, s'io ti toccassi | le bianche mani e 'l tuo bel viso, o dio! || se meco sopra l'erba ti posassi, | della scorza faria d'un lento salcio | una zampogna, e vorrei tu cantassi. || L'erranti chiome poi strette in un tralcio, | vedrei per l'erba il candido piè movere | ballando e dare al vento qualche calcio. || Poi stanca giaceresti sotto un rovere | io pel prato côrrei diversi fiori, | e sopra il viso tuo gli farei piovere: || di color mille e mille vari odori, | tu ridendo faresti, dove fòro | i primi côlti, uscir degli altri fuori. || Quante ghirlande sopra i be' crin d'oro | farei miste di frondi e di fioretti! | Tu vinceresti ogni bellezza loro. || Il mormorio de' chiari ruscelletti | risponderebbe alla nostra dolcezza | e 'l canto di amorosi augelletti. || Fugga, ninfa, da te tanta durezza: | questo acerbo pensier del tuo cor caccia: | deh, non far micidial la tua bellezza!'' (p. 51)
 
*''Dov'è somma [[bellezza]] e crudeltate, | è viva morte; pur mi riconforto: | non dee sempre durar la tua beltate. || L'altra mattina in un mio piccolo orto | andavo: e 'l sol sorgente con suoi rai | uscia non già ch'io lo vedessi scorto. || Sonvi piantati dentro alcun rosai; | a' quai rivolsi le mie vaghe {{sic|ciglie}} | per quel che visto non avevo mai. || Eranvi [[rosa|rose]] candide e vermiglie: | alcuna a foglia a foglia al sol si spiega; | stretta prima, poi par s'apra e scompiglie: || altra più giovinetta si dislega | appena dalla boccia: eravi ancora | chi le sue chiuse foglie all'aer niega: || altra cadendo a piè il terreno infiora. | Così le vidi nascere e morire | e passar lor vaghezza in men d'un'ora. || Quando languenti e pallide vidi ire | le foglie a terra, allor mi venne a mente | che vana cosa è il giovenil fiorire.'' (p. 54)
 
 
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
==Bibliografia==
*Lorenzo de' Medici, ''[http://www.liberliber.it/mediateca/libri/m/medici/la_nencia_da_barberino/pdf/la_nen_p.pdf La Nencia da Barberino]'', introduzione e note di Federico Sanguineti, Biblioteca Universale Rizzoli, 1992. ISBN 8817168424
*Lorenzo de' Medici, ''Poemi'', prefazione di Giovanni Papini, Carabba Editore, Lanciano, 1911.
*Lorenzo de' Medici, ''[http://www.liberliber.it/mediateca/libri/m/medici/simposio_o_i_beoni/pdf/simpos_p.pdf Simposio, altrimenti I Beoni]'' in "Sonetti del [[Burchiello]], del Bellincioni e d'altri poeti fiorentini alla burchiellesca", Londra (ma Livorno) 1757.
*Lorenzo de' Medici, ''[http://www.liberliber.it/mediateca/libri/m/medici/rime/pdf/rime_p.pdf Rime]'' a cura di A. Simioni, Bari, Laterza, 1913.
*Lorenzo de' Medici, ''Poemi'', prefazione di Giovanni Papini, Carabba Editore, Lanciano, 1911.
 
==Altri progetti==