Denis Mukwege: differenze tra le versioni

1 539 byte aggiunti ,  1 anno fa
 
*Ci sono due cose che mi aiutano quando mi sento disperato. La prima cosa è la mia fede. La seconda cosa sono le donne che curo. Curando delle donne, ho scoperto che esse hanno una forza eccezionale. Molte donne arrivate da me, in ospedale, erano in condizioni disperate. Avevano perso il marito, tutta la loro famiglia, ed erano entrate in ospedale in stato di coma. Ma non appena si svegliano - dal coma, o dall'anestesia -, la prima domanda che quelle donne pongono è "dove sono i miei figli? Dov'è mio marito?". Si chiedono dove stiano gli altri, e in quali condizioni. Quando vedo questa reazione da parte delle donne, rimango colpito. Le donne tendono a occuparsi degli altri, e si preoccupano che gli altri - che stanno intorno a loro -, stiano bene. Dunque io dico a me stesso: "Se c'è qualcosa che io posso fare per quelle donne coraggiose di cui mi prendo cura, è aggiungere una goccia all'oceano d'amore che esse per prime donano". Più volte mi sono perso d'animo, ma attraverso le loro parole, attraverso le loro azioni, ho ritrovato la forza di riprendere il mio lavoro.
*Gli uomini possono fare la differenza. Le donne si sono battute per oltre cento anni per ottenere la parità, è ora che gli uomini rispondano a loro volta in modo positivo.
 
{{Int|Da ''[https://it.gariwo.net/persecuzioni/diritti-umani-e-crimini-contro-l-umanita/africa-donne-e-covid19-21985.html Africa, donne e Covid-19 - le parole di Denis Mukegwe]''|''It.gariwo.net'', 7 aprile 2020}}
*Ciò che conta di più è il comportamento di ogni individuo e di tutti noi. Ognuno di noi deve accettare, di adattare le proprie abitudini, quindi evitare il più possibile di spostarsi e rimanere a casa, adottare misure di distanza sociale - come mantenere un minimo di un metro tra le persone, evitare strette di mano e abbracci.
*Temo l'ecatombe perché non abbiamo i mezzi per combatterlo e perché gli africani sono costretti a uscire di casa per procurarsi il cibo.
*A causa delle disparità di genere, così profondamente radicate, le ragazze e le donne saranno colpite da questa pandemia in modi diversi. Anche se le morti per coronavirus finora sono più maschili, le donne rappresentano il 70% delle badanti e degli assistenti sociali di tutto il mondo. Ciò le espone a grandi rischi. Le donne occupano anche, per la maggior parte, lavori di servizio, nei negozi locali e per i lavori meno remunerativi. Ciò le rende più vulnerabili economicamente, sia ora che in futuro, dopo questa crisi. La pandemia di Covid-19 e le misure di contenimento che essa impone hanno, inoltre, già causato un aumento allarmante della violenza domestica contro donne e bambini. In diversi Paesi, poi, i diritti sessuali e riproduttivi di base e l'accesso alle cure e ai servizi che ne derivano sono stati drasticamente ridotti.
 
==''Figlie ferite dell'Africa''==
24 201

contributi