Differenze tra le versioni di "God of War III"

(Corretto: "a meno che")
{{cronologico}}
*'''Poseidone''': Osi sfidare me, mortale? Un Dio dell’Olimpo? <br> '''Kratos''': Un vero guerriero non si nasconde, Poseidone! Esci dal mare e affrontami! <br> '''Poseidone''': Hai mancato di rispetto agli Dèi per l’ultima volta, Kratos!
 
*'''Poseidone''': Zeus avrebbe dovuto lasciarti al tuo posto. Non importa quanti Dèi cadranno, ce ne sarà sempre un altro pronto a sfidarti! <br> '''Kratos''': Cadranno anche loro. <br> '''Poseidone''' {{NDR|[[Ultime parole dai videogiochi|Ultime parole]]}}: La morte dell’Olimpo è la morte di tutti noi. <br> '''Kratos''': Allora preparati a morire, Poseidone.
 
*'''Kratos''': Cosa intendi fare, padre?! Non puoi più nasconderti dietro la sottana di Atena! <br> '''Zeus''': Atena è morta a causa della rabbia che ti consuma, Kratos. Cos'altro distruggerai? <br> '''Kratos''': Gli Artigli della Morte non mi sconfissero. Le Sorelle del Destino non riuscirono a fermarmi. E tu non vedrai l'alba di domani! Io compirò la mia vendetta! <br> '''Zeus''': Moccioso petulante! Non tollererò oltre la tua insolenza! <br> '''Gaia''' {{NDR|Zeus colpisce lei e Kratos con un fulmine facendoli cadere e tenta di reggersi al Monte}}: Aaaaaaargh! <br> '''Kratos''' {{NDR|Tenta di reggersi sulla schiena di Gaia}}: Gaia! Non resisterò ancora per molto! <br> '''Gaia''': Se ti aiuto, cadremo entrambi. Zeus sta vincendo. <br> '''Kratos''' {{NDR|Sta per cadere e conficca la Spada dell'Olimpo su Gaia per aggrapparsi}}: La distruzione di Zeus è il motivo per cui m'hai salvato dalla morte! <br> '''Gaia''': Ti ho salvato per servire i Titani! <br> '''Kratos''': Non negarmi la mia vendetta! <br> '''Gaia''': Ascoltami bene, Kratos. Eri solo una pedina, nient'altro! Zeus ormai non è più affar tuo! Questa è la nostra guerra, non la tua! <br> '''Kratos''' {{NDR|Non riesce a mantenere la presa e cade insieme alla Spada dell'Olimpo}}: Gaiaaaaaaaa! Nooooooo! {{NDR|inizia a cadere e a quel punto inizia un viaggio interiore dove si sente la voce di Kratos in sottofondo}} Ho vissuto come un guerriero. Sono morto come un Dio. Dopo aver subito il più atroce dei sacrifici, mi è stata negata la libertà. Io... io sconfiggerò l'Olimpo. Io avrò la mia vendetta...
 
*'''Kratos''': No, non finisce qui, Zeus. I cancelli dell'Ade non mi hanno mai fermato! <br> '''Corpo Astrale di Atena''': La morte non può fermare chi ha uno scopo, Kratos. <br> '''Kratos''': Atena? <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Mi sei mancato, spartano. <br> '''Kratos''': Io... Io non- <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Il mio sacrificio per Zeus mi ha portata a un'esistenza superiore. <br> '''Kratos''': Mi sembri ancora un'Olimpica. <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Le apparenze ingannano, Kratos. <br> '''Kratos''': Sì, anche i figli dell'Olimpo... <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Può darsi, ma ricorda, fu la tua lama ad uccidermi. <br> '''Kratos''': La mia lama era destinata a Zeus, spiegati in fretta. <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Mentre parliamo, la guerra per l'Olimpo infuria e l'umanità soffre. <br> '''Kratos''': Lascia che soffra. La morte di Zeus è l'unica cosa che conta. <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Zeus non cederà facilmente come Ares. Per distruggere il Re degli Dèi, devi cercare la fonte del suo potere: la Fiamma dell'Olimpo. <br> '''Kratos''': Tu, che un tempo ti sacrificasti per salvare Zeus, ora cerchi di distruggerlo? Che cosa ti ha fatto cambiare idea? <br> '''Corpo Astrale di Atena''' {{NDR|Con la mano attraversa il corpo di Kratos e prende le sue Lame rovinate}}: Scorgo verità dove prima non riuscivo. Forse queste ti ridaranno fiducia {{NDR|Trasforma le Lame di Atena rovinate in nuove armi}}. Queste sono le Lame dell'Esilio. {{NDR|Le da' a Kratos}} Ti guideranno nel tuo viaggio verso la Fiamma. Ricorda, finché sarà Zeus a regnare, l'umanità non avrà speranza. Distruggi la Fiamma, Kratos, e le fondamenta più profonde dell'Olimpo crolleranno.
 
*'''Pandora''' {{NDR|Kratos vede la Spada dell'Olimpo conficcata in un'altra statua bronzea}}: Kratos? <br> '''Kratos''': Come fai a conoscermi? <br> '''Pandora''': Sei il Fantasma di Sparta, tutti sanno chi sei. Tutti hanno paura di te. <br> '''Kratos''': E ne hanno ben motivo... <br> '''Pandora''': Io non ho paura di te. <br> '''Kratos''': E questo è un bene, bambina. La paura è un fardello pesante... {{NDR|Afferra l'elsa della Spada dell'Olimpo}} <br> '''Pandora''': Io non sono una bambina, Kratos. <br> '''Kratos''' {{NDR|Estrae la Spada dell'Olimpo dalla statua bronzea}}: Non importa ciò che sei, è altro ciò che mi interessa. <br> '''Pandora''': Kratos, ti prego. Liberami, ne ho bisogno. <br> '''Kratos''': Anche la lotta per la libertà è un fardello pesante. Non posso aiutarti.
 
*'''Efesto''': Kratos, possibile? Dunque il regno del sovrano Ade è terminato? <br> '''Kratos''': Il Dio degli Inferi è morto. <br> '''Efesto''': Morto? Ah. Ade meritava ogni sofferenza, ma non credevo potesse morire. <br> '''Kratos''': Gli Olimpici sopravvalutano se stessi. <br> '''Efesto''': Ahah. Interessante... Lo terrò a mente, spartano.
 
*'''Gaia''': Tu vivo, spartano? Il sangue di Crono non mente mai. Presto, Devi aiutarmi! <br> '''Kratos''': Aiutare te?! <br> '''Gaia''': Sì, figliolo. Svelto! Soffro immensamente. Ho tentato di tornare in battaglia, ma- <br> '''Kratos''': Senza di me. <br> '''Gaia''': Sai che non avevo scelta. Devi aiutarmi! {{NDR|Kratos attacca il suo polso}} Aaaaaargh! Kratos! Non conto nulla per te? <br> '''Kratos''': Eri solo un mezzo per un fine, Gaia. Null’altro. <br> '''Gaia''': Ma devo sfidare Zeus. E i Titani devono rovesciare l’Olimpol'Olimpo. <br> '''Kratos''': No! Questa guerra è mia, non tua!
 
*'''Elio''': Kratos, non ho mai dimenticato il debito che ho con te. Salvami di nuovo, come già mi salvasti da Atlante, e ti prometto che ti ripagherò di tutto. <br> '''Kratos''': Se vuoi ripagarmi, dimmi dove trovare la Fiamma dell’Olimpo! <br> '''Elio''': La Fiamma? Non sconfiggerai mai Zeus, spartano. Rinuncia o perirai nell’impresa. <br> '''Kratos''': Se vuoi preoccuparti della vita di qualcuno, Elio, non considerare la mia... <br> '''Elio''': Ecco il potere del Sole! {{NDR|Acceca Kratos, ma Kratos riesce ad avvicinarsi e ad impedirgli di usare il potere pestando la sua faccia}} Uoorgh! Coff coff fermo! Fermo! Aspetta! Posso dirti che per distruggere Zeus dovrai entrare nella Fiamma e acquisirne il potere. <br> '''Kratos''': Stai mentendo, Elio! Efesto ha detto che la Fiamma uccide chiunque la tocchi! <br> '''Elio''': E tu gli credi? Quel mostro ha perduto il favore degli Dèi! <br> '''Kratos''': È proprio per questo che io gli credo! <br> '''Elio''' {{NDR|[[Ultime parole dai videogiochi|Ultime parole]]}}: Uccidermi non ti condurrà a Zeus. <br> '''Kratos''': È qui, proprio qui che sbagli...
 
*'''Pandora''' {{NDR|Canta la melodia attraverso la statua bronzea}}: Kratos! Si sta avvicinando. <br> '''Kratos''': Te l’hol'ho detto, non posso aiutarti. <br> '''Pandora''': Ma tu sei l’unico che può farlo, lo so. Mi fido di te. <br> '''Kratos''': ... Non dovresti...
 
*'''Ermes''': Oooh ahah, guarda chi c’è: Kratos, il Fantasma di Sparta. Il Dio Caduto. Il mortale maledetto. <br> '''Kratos''': Catturare le mosche che ronzano intorno a Zeus, non vale il mio tempo, Ermes. <br> '''Ermes''': Parli da codardo, Kratos. Non provi a prendermi perché sai che non ci riusciresti. Kratos, come inganni il tempo oggi? Ahahahah ucciso qualche familiare ultimamente? Ah, giusto, stai andando a uccidere tuo padre Zeus ahahahahahahah! Non succederà, impossibile. Kratos si è imbarcato in una missione da stolti. Di nuovo... {{NDR|canticchia}} Mai, imparerai. Mai, cambierai. Kratos, lo stolto che uccide i suoi cari. Kratos, lo stolto tra mortali e Dèi. Per sempre sciagurato. Per sempre condannato. La vendetta lo consuma rapida e impetuosa. Lo spartano si avvicina a una fine indecorosa... ahahahaha!
 
*'''Kratos''': Il Vaso di Pandora? {{NDR|Ricorda la prima volta che ha aperto il Vaso. Protende la mano verso il Vaso, ma Atena lo ferma}} Questo cosa significa? <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Gli occhi non ti ingannano, Kratos. È lo stesso Vaso che apristi anni or sono. Custodisce tuttora il potere di uccidere un Dio. <br> '''Kratos''': Liberai quel potere quando uccisi Ares. <br> '''Corpo Astrale di Atena''': No. Nel Vaso si nasconde un potere più grande, tenuto celato al mondo. Tutto iniziò quando Zeus trionfò sui Titani nella Grande Guerra. Zeus capì che il male scaturito da quello scontro, se lasciato libero, avrebbe annientato il Mondo Umano e Divino. Per ingabbiare questi sentimenti, Zeus chiese a Efesto di forgiare un recipiente in grado di contenerli. Paura, Avidità, Odio. Rinchiuse tutto quanto nel Vaso, sperando potessero non infettare mai più il suo regno. Quando apristi il Vaso per uccidere Ares, attingesti ai poteri proibiti. Dopo il tuo trionfo, la paura pervase Zeus. <br> '''Kratos''': Ma la Fiamma è letale. Come posso recuperare il Vaso? <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Con la sua omonima, Kratos. <br> '''Kratos''': Pandora? <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Lei è la chiave per distruggere la Fiamma, la chiave per la nostra vendetta. Sarà difficile, spartano. <br> '''Kratos''': È una bambina, non mi darà problemi, Atena. <br> '''Corpo Astrale di Atena''': Spero sia così, Fantasma di Sparta {{NDR|Scompare}}.
 
*'''Era''' {{NDR|Ubriaca}}: Bravo, bravo. Ecco il nostro eroe. Applaudiamo uno dei figli bastardi di Zeus! Giusto in tempo per l'ultimo atto... <br> '''Kratos''': Era. <br> '''Era''': Ti trovo male, caro mio. Vuoi sempre uccidere mio marito, immagino... <br> '''Kratos''': Come sai, voglio solo vendetta. <br> '''Era''': Non posso biasimarti. Da quando uccidesti mio figlio, Ares, la paura lo consuma. <br> '''Kratos''': Non avrà più paura, una volta morto. <br> '''Era''': Brindo all'evento. <br> '''Kratos''': Era, cerco la piccola Pandora. <br> '''Era''': Pandora? Quella povera creatura generata da mio figlio Efesto? Beh, non possiamo permettertelo, mio caro. Distruggilo. <br> '''Ercole''': Salute, fratello. <br> '''Kratos''': Non è affar tuo, Ercole. <br> '''Ercole''': Non è così? Sei sempre stato il preferito di Zeus. <br> '''Kratos''': L'aria dell'Olimpo offusca i tuoi pensieri, fratello. Zeus non ha preferiti. <br> '''Ercole''': ... Sicuro, fratello? Mentre io ripulivo le stalle di Augia, lui scelse te per distruggere Ares {{NDR|Kratos alza un sopracciglio}}. Hai ancora dubbi? Ascolta questa: mentre ti incoronavano Dio della Guerra, a me toccò cercare una mela. <br> '''Era''': Ahahaha <br> '''Ercole''': Le chiamavano "Fatiche". Ah! Certo, mandò me a uccidere il Leone di Nemea, ma fu il tuo nome ad essere sulla bocca di tutti. Un feroce guerriero, un assassino divenuto eroe. Un uomo divenuto Dio! Ma questa volta, fratello, questa volta io annienterò te. Considerala la mia Tredicesima ed Ultima Fatica. Presto sarò io il Dio della Guerra e rivendicherò il trono solo per me! <br> '''Kratos''': Aspiri ad essere un Olimpico, ma il loro regno sta per finire, Ercole. <br> '''Ercole''': Questo è tutto da vedere...
 
*'''Efesto''': Afrodite? Sapevo saresti tornata da me... Kratos...? Dimmi, Afrodite ha sedotto un altro Dio della Guerra? <br> '''Kratos''': Questo dovresti chiederlo a tua moglie.
 
*'''Crono''' {{NDR|Solleva la mano mozzata di Gaia, Kratos è sopra il suo palmo}}: L’assassino di Gaia profana la mia tomba?! <br> '''Kratos''': Crono! <br> '''Crono''': Ero certo che fossi tu ad averla uccisa, spartano. Chi altri? Vivo nel tormento a causa tua. Dopo che prendesti il Vaso dal Tempio di Pandora, Zeus fu accecato dalla paura. Mi recluse negli Abissi del Tartaro. <br> '''Kratos''': Gli Dèi mi ordinarono di uccidere Ares. <br> '''Crono''': Uccidesti Ares per la tua sete di vendetta. {{NDR|Con le sue dita tenta di schiacciare Kratos, ma fa resistenza}} Ma ora tocca finalmente a me impartire il castigo, spartano. Kratos, la tua morte non sarà dolce... Ahahah! E' tempo di morire!
 
*'''Pandora''': Grazie, Kratos. <br> '''Kratos''' {{NDR|Tiene in mano la Testa di Elio per fare luce}}: Il nostro viaggio è tutt’altro che finito, Pandora. Giunti al termine, non vorrai più ringraziarmi. <br> '''Pandora''': So di sembrarlo, ma non sono una bambina, Kratos. Ho visto molte cose orribili... E non ho paura. So benissimo cosa ci aspetta. Ho visto Zeus torturare mio padre. L’ho visto soccombere per colpa mia. Avrei dovuto aiutarlo, ma avevo paura. <br> '''Kratos''': Efesto ha fatto il suo dovere di padre, proteggere sua figlia... <br> '''Pandora''': No. E'È solo colpa mia. L’ho perduto per colpa della paura. La paura è una sorta di oscurità. E in quell'oscurità ho udito gli Dèi parlare di me. Mi chiamavano "mostro". <br> '''Kratos''': Le parole non hanno valore. <br> '''Pandora''': Forse. Ma nelle loro parole c’era paura. Paura di un guerriero cinereo. Paura di te. Mentre in loro la paura cresceva, in me faceva posto alla speranza. <br> '''Kratos''': ... La speranza è dei deboli, Pandora. {{NDR|Sta per aprire una porta, ma Pandora lo ferma e lo guarda negli occhi}} <br> '''Pandora''': E'È la speranza che ci dà forza. Che ci fa lottare. E' la sola cosa che ci resta quando tutto è perduto. <br> '''Kratos''': ... {{NDR|Apre la porta e si ritrovano davanti il cadavere incatenato di Dedalo}} A questo porta la speranza, bambina. Faresti bene a capirlo.
 
*'''Pandora''' {{NDR|Indica la Fiamma dell'Olimpo}}: Eccola. La vedo, Kratos. Nell’oscurità i Fuochi della Speranza ci renderanno liberi... {{NDR|Va' verso la Fiamma dell'Olimpo}} <br> '''Kratos''': Pandora! No! {{NDR|Prende Pandora per il polso}} <br> '''Pandora''': Sai perché sono qui! Mi hai portata qui per questo! <br> '''Kratos''': Troverò un altro modo! <br> '''Pandora''': No, Kratos! Non c’è altro modo! Lasciami andare! {{NDR|Prova a liberarsi}} <br> '''Kratos''': No, bambina! <br> '''Pandora''': Non sono una bambina! Mi fai male! Aaaah! {{NDR|Riesce a liberarsi da Kratos e corre verso la Fiamma, ma sbatte contro Zeus, e urla quando il dio la prende per la nuca}} Aaaaah! Kratos! Aiuto! <br> '''Kratos''': Mettila giù, Zeus! <br> '''Zeus''': La tua ossessione per questa... questa... cosa... è ormai diventata un fastidio, figlio mio. <br> '''Kratos''': Lascia la ragazza, Zeus! <br> '''Zeus''': Non confondere questo... oggetto... questa creatura di Efesto, con un normale essere umano. {{NDR|Vola}} Ma è forse troppo tardi, spartano. La tua ricerca di Pandora, un patetico tentativo di riparare al massacro della tua famiglia, ha portato soltanto rovina sull’Olimpo. Guardati intorno, guarda che cosa hai fatto! <br> '''Kratos''': Vedo solo ciò che sono venuto a distruggere! <br> '''Zeus''' {{NDR|Poggia i piedi a terra}}: Provare pietà per te è stato il mio più grave errore, Kratos. Così come provare pietà per questo mostro si rivelerà il tuo peccato più grave! <br> '''Kratos''': Lasciala fuori da tutto questo! <br> '''Zeus''': Tutto ruota attorno a lei. {{NDR|Solleva Pandora sopra la testa tenendola per la nuca e il ginocchio}} <br> '''Kratos''' {{NDR|Estrae le Lame dell'Esilio}}: Mettila giù! <br> '''Zeus''': Come vuoi...
 
*'''Zeus''': Che disastro... Avrò molto da fare dopo averti ucciso. <br> '''Kratos''': Affrontami, padre. Chiudiamo la questione. <br> '''Zeus''': Sì, figlio mio. È giunto il tempo. {{NDR|Dopo un breve combattimento, il terreno inizia a tremare}} <br> '''Gaia''': Il Regno dell'Olimpo sta per finire! <br> '''Kratos''': Gaia! Tu, viva? <br> '''Gaia''': Il mio mondo sta sanguinando a causa tua. Non ho mai voluto la tua morte, spartano, ma non mi hai dato altra scelta. <br> '''Kratos''': Il tuo burattino ti ha tradito, Gaia. Forse avresti dovuto scelto l’altro! {{NDR|Deimos}} <br> '''Gaia''' {{NDR|[[Ultime parole dai videogiochi|Ultime parole]]}}: Basta! Padre e figlio morranno insieme!
 
1 015

contributi