Vincenza Armani: differenze tra le versioni

sistemo nuova sezione
(→‎Citazioni su Vincenza Armani: altra della Fachini)
(sistemo nuova sezione)
 
 
==Citazioni su Vincenza Armani==
*Né starebbe male vicino a questa donna {{NDR|[[Isabella Andreini]]}}, che fu ammirazione del tempo suo, un'altra donna del secolo XVI, poetessa, suonatrice, cantante, scultrice, comica: Vincenza Armani, nata a Venezia di famiglia Trentina. Per essa, quando giungeva in qualche città, «si sparava l'artiglieria», le movevano incontro i notabili del luogo, si facevano in suo onore giostre e tornei. ([[Adolfo Bartoli]])
*È forse la prima tra le donne italiane che montò sulle scene, e recitò come Comica, sicché le teatrali {{sic|istorie}} la ricordano qual celeberrima. ([[Ginevra Canonici Fachini]])
 
*Quella mirabile figura di amatrice, la vaga Vincenza Armani poetessa, cantante, ballerina pittrice, scultrice, artista somma nel tragico, nel comico, nel pastorale, al cui arrivo nelle capitali si sparavano le artiglierie, e che {{sic|di tra}} il freddo classicismo del cinquecento morente e il bislacco barocchismo del nascente seicento, sapeva far {{sic|iscaturire}} dalla sua anima di fuoco versi d'amore. ([[Luigi Rasi]])
*Espertissima nel disbrigo dei femminili lavori, {{sic|riescì}} felicemente anche ne' ritratti a cera. Conobbe con profondità la vulgare e la latina lingua. Tentò le difficili vie d'Elicona, e vi camminò sicura. Si ricreò colla Musica, e nella Musica si distinse. ([[Ginevra Canonici Fachini]])
 
===[[Ginevra Canonici Fachini]]===
*Fu anche questa una di quelle poche creature dalla natura favorite per modo tale, che nulla riesce loro arduo o ineseguibile. ([[Ginevra Canonici Fachini]])
{{cronologico}}
*Fu anche questa una di quelle poche creature dalla natura favorite per modo tale, che nulla riesce loro arduo o ineseguibile. ([[Ginevra Canonici Fachini]])
 
*Espertissima nel disbrigo dei femminili lavori, {{sic|riescì}} felicemente anche ne' ritratti a cera. Conobbe con profondità la vulgare e la latina lingua. Tentò le difficili vie d'Elicona, e vi camminò sicura. Si ricreò colla Musica, e nella Musica si distinse. ([[Ginevra Canonici Fachini]])
*Né starebbe male vicino a questa donna {{NDR|[[Isabella Andreini]]}}, che fu ammirazione del tempo suo, un'altra donna del secolo XVI, poetessa, suonatrice, cantante, scultrice, comica: Vincenza Armani, nata a Venezia di famiglia Trentina. Per essa, quando giungeva in qualche città, «si sparava l'artiglieria», le movevano incontro i notabili del luogo, si facevano in suo onore giostre e tornei. ([[Adolfo Bartoli]])
 
*È forse la prima tra le donne italiane che montò sulle scene, e recitò come Comica, sicché le teatrali {{sic|istorie}} la ricordano qual celeberrima. ([[Ginevra Canonici Fachini]])
*Quella mirabile figura di amatrice, la vaga Vincenza Armani poetessa, cantante, ballerina pittrice, scultrice, artista somma nel tragico, nel comico, nel pastorale, al cui arrivo nelle capitali si sparavano le artiglierie, e che {{sic|di tra}} il freddo classicismo del cinquecento morente e il bislacco barocchismo del nascente seicento, sapeva far {{sic|iscaturire}} dalla sua anima di fuoco versi d'amore. ([[Luigi Rasi]])
 
==Altri progetti==
33 948

contributi