Differenze tra le versioni di "Eroismo"

6 byte rimossi ,  2 mesi fa
m
ok nell'incipit della voce madre ma qui non ha senso
(→‎Citazioni: Pier Carlo Boggio)
m (ok nell'incipit della voce madre ma qui non ha senso)
 
*Allora, diciamo subito che l'eroismo, secondo me, non è solo il gesto di una persona che sacrifica se stessa per salvare altri. È quel gesto lì, ma è anche il gesto di alzarsi tutti i giorni, alle cinque di mattina, per andare a lavorare e dare un futuro alla propria famiglia. È l'impegno che un insegnante si prende, di seguire i suoi studenti nell'esperienza dello studio. È anche fare bene il proprio lavoro quando nessuno ti guarda. Se c'è posto per l'eroismo? Ogni volta che sentiamo che dovremmo fare qualcosa e che ci costa fare quel gesto. Nessuno farà dei ''blockbuster'' sulla nostra vita ma, visti i risultati degli ultimi film sui supereroi, in fondo è meglio così. Credetemi. ([[Leo Ortolani]])
*Ammettere di non essere degli eroi è il nostro momento più eroico. (''[[Scrubs - Medici ai primi ferri (prima stagione)|Scrubs - Medici ai primi ferri]]'')
*Anche l'ammirazione per gli Eroi ha i suoi confini.<br> Essa deve cessare dove comincia l'uomo.<br> L'eroe finisce, dove {{sic|allo}} impulso magnanimo della sua missione provvidenziale sottentra l'urto irriflessivo della passione. ([[Pier Carlo Boggio]])
*Beati i popoli che onorano gli eroi e che in ogni occasione possono sperare di avere eroi in tutti i campi: in guerra e in pace. ([[Francesco Grisi]])
*C'è una sola differenza tra gli eroi e i pazzi... Se vincono o perdono. (''[[Umineko no naku koro ni]]'')