Differenze tra le versioni di "Licurgo Cappelletti"

(→‎Bibliografia: Della civiltà e della sua storia)
 
==[[Incipit]] di ''Della civiltà e della sua storia''==
L'uomo è un essere morale, vale a dire un essere intelligente e libero. Egli non può conservare la sua esistenza che in riconoscere gli esseri coi quali è in rapporto, e in osservare questi rapporti medesimi. La conoscenza degli esseri forma la sua scienza: l'osservazione dei rapporti costituisce la sua giustizia. La sapienza è all'uomo necessaria per procedere moralmente, quanto il lume per dirigere sicuramente i suoi passi; e perché egli è libero, la vera regola delle azioni gli è necessaria per non fare una falsa elezione. <!-- (cap. I, p. 7) -->
 
==Bibliografia==
26 101

contributi