Differenze tra le versioni di "Relativismo"

525 byte aggiunti ,  7 mesi fa
Sezione Giulio Giorello.
(+1)
(Sezione Giulio Giorello.)
Citazioni sul '''relativismo'''.
 
*Appare evidente come lo scontro oggi in atto sulla presunta dittatura del relativismo sia uno scontro filosofico sul senso e sulla portata della scienza, della riflessione critica, della tolleranza politica e della scelta morale. ([[Giulio Giorello]])
* Avere una fede chiara, secondo il Credo della [[Chiesa cattolica|Chiesa]], viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare "qua e là da qualsiasi vento di dottrina", appare come l'unico atteggiamento all'altezza dei tempi odierni. Si va costituendo una dittatura del relativismo che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie. ([[Papa Benedetto XVI]])
*Con il pretesto di un cammino spirituale, il Nemico lusinga in noi, l'antico desiderio di diventare uguale a Dio: "conoscerete il bene e il male". Da qui nasce il relativismo etico e religioso. ([[Joseph Marie Verlinde]])
*La migliore definizione di relativismo è quella di Assolutizzazione Unilaterale di uno dei due poli (in correlazione essenziale) di Assoluto e di Relativo. ([[Costanzo Preve]])
* Nessuna conclusione è certa: ogni asserto umano, quale che sia la sua struttura, è provvisorio e suscettibile di controversie. Relativismo? Certamente. Solo gli dei promulgano verità non negoziabili. Gli umani, invece, fabbricano teorie per meglio adattarsi al loro ambiente. ([[Enrico Bellone]])
 
* Troppo spesso si dimentica che il contrario di relativismo è [[assolutismo]]. ([[Giulio Giorello]])
 
===[[Giulio Giorello]]===
*Appare evidente come lo scontro oggi in atto sulla presunta dittatura del relativismo sia uno scontro filosofico sul senso e sulla portata della scienza, della riflessione critica, della tolleranza politica e della scelta morale. ([[Giulio Giorello]])
*[[Karl Popper|Popper]] perdonami, comincerò con un altro Karl. “Uno spettro si aggira per l'Europa [...]. Tutte le potenze [...] si sono alleate in una santa battuta di caccia contro questo spettro: papa e zar, [[Klemens von Metternich|Metternich]] e [[François Guizot|Guizot]], radicali francesi e poliziotti tedeschi.” Così inizia il ''[[Manifesto del partito comunista]]'' (1848) di [[Friedrich Engels|Engels]] e [[Karl Marx|Marx]]. Allora lo spettro era il ''comunismo''; oggi, invece, la santa alleanza lo chiama ''relativismo''
* Troppo spesso si dimentica che il contrario di relativismo è [[assolutismo]]. ([[Giulio Giorello]])
 
==Voci correlate==