Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

1 373 byte aggiunti ,  1 mese fa
(→‎Greci: +1.)
 
==Greci==
*''I monti [[Olimpo]] e [[Monte Ossa|Kìssavo]] contendono tra loro, | chi dei due farà piovere o scendere la neve. | Manda la pioggia il kìssavo e la neve l'Olimpo; | si volge allora il Kìssavo verso l'Olimpo e dice: | "Tu che i Turchi calpestano, non devi biasimarmi. | Io sono il monte Kìssavo, a Làrissa famoso, | caro agli ''agà''<ref name=high>Alti dignitari della corte ottomana. {{cfr}} ''I canti popolari dei ribelli greci'', ''Poesia'', n. 102, nota 1, p. 71.</ref>di Làrissa, a tutti gli Albanesi". | Si volge verso il Kìssavo l'Olimpo e gli risponde: | "O Kìssavo vergognati, schiavo degli Albanesi, | calpestato dai Turchi e dagli ''agà''<ref name=high/>di Làrissa, | io sono il vecchio Olimpo, celebre in tutto il mondo, | ho sessantadue cime, quaranta monasteri, | su ogni dosso una chiesa, su ogni vetta una fonte | e in inverno i ''kléftes''<ref>Miliziani greci che, riuniti in bande, lottavano contro i dominatori ottomani. {{cfr}}[[w:Clefti|voce su ''Wikipedia'']].</ref>stanno nei miei rifugi. | Ma quando in primavera si schiudono le gemme, | essi allora riempiono in gran numero i monti | e i prigionieri affollano i loro nascondigli."''<ref>Da ''I canti popolari dei ribelli greci'', a cura di Francesco Maspero, traduzione di Francesco Maspero. In ''Poesia'', n. 102, anno X, gennaio 1997, Crocetti Editore, Milano, 1997, p. 71.</ref>
 
===In ''Domenico Tumiati, Una primavera in Grecia.''===
*''"Buona sera, mia signora, alla finestra d'oro. Che cosa pianti, che cosa getti, ché non vieni e non ti vedo?" | "Non piantare viole né fiori, pianta basilico. Perché il giovane che ti deve prendere, mi ha mandato a dirtelo."''<ref>Cantata da un pescatore di granchi e di aragoste presso il lago di Kalichiopulo (Corfù) {{cfr}}''Una primavera in Grecia'', p. 16</ref> (p. 16)
:''"Kalispera sas chiramo | Sto barconi to crisso! | Ti fitevis, ti parmevis, | pude vienis na s'edò? || "Mi fievis iulia k'anthia, | fiteve vassilicò. | Ja ti o neos, | pu tha se pari, | me estile na su topò."'' (p. 16)
*''"Vorrei avere un cuore, cuore nato nei dolori, cuore che abbia compagna la miseria solo." |"Vorrei avere due cuori, e donarti l'uno e serbar l'altro per non dimenticarti." | "Così io voglio il cuore che mi ami, e non abbia paura di lampi né di muoversi d'onde."''<ref>Ascoltato e raccolto da Tumiati a Corfù. {{cfr}} ''Una primavera in Grecia'', p. 17.</ref> (''Il cuore'', p. 17)
:''Ithela na icha mian cardia, | cardia ienati ponus, | cardia opu nachi sindrofia | tin distichian monon. || "Ithela na icha dio cardias | tin mian na stin chariso, | tin allin na cratisso egò, | na mi sas lismoniso. || " Tethia tin thelo cardian, | opu na me agapisi, | na mi fovi se keramnon ! to kima opu afrisi"'' (p. 17)
*''"Dolore e desiderio del cuore si avvicinano, e io muoio. Al dolore trovo conforto, al desiderio che mai farò? | "Oh fossi brezza di notte, vicino a te starei: quando tu ridi sarei allegro, e quando ti duoli, io piangerei."''<ref>Ascoltato e raccolto da Tumiati nei pressi della Fortezza Nuova. {{cfr}} ''Una primavera in Grecia'', p. 17.</ref> (''Che cosa faccio?'', p. 18)