Differenze tra le versioni di "Lawrence Wright"

1 122 byte aggiunti ,  11 mesi fa
*{{NDR|Su [[L. Ron Hubbard]]}} Non era un profeta come Maometto, o una divinità come Gesù. Non era stato visitato da un angelo recante le tavole della rivelazione, come [[Joseph Smith]], il fondatore del [[mormonismo]]. Gli scientologi credono che Hubbard abbia scoperto le verità esistenziali alla base della loro dottrina attraverso un'approfondita ricerca; in tal senso, essa è una «scienza». (pp. 23-24)
*Forse nessun altro individuo, nella storia, ha scandagliato così diffusamente e descritto in forma tanto logica e minuziosa il funzionamento interno della propria mente. Il metodo proposto da Hubbard rappresenta una sorta di piano d'azione per la realizzazione del suo sé ideale. Le abitudini di Hubbard, la sua immaginazione, i suoi obiettivi e desideri – in altre parole, il suo carattere – sono allo stesso tempo il fondamento e il fine ultimo di Scientology. (p. 26)
*Le numerose discrepanze tra la leggenda di Hubbard e la sua vita hanno messo in ombra il fatto che egli è stato realmente un uomo affascinante: esploratore, autore di best seller e fondatore di un movimento religioso di diffusione mondiale. Il braccio di ferro tra scientologi e antiscientologi sulla biografia di Hubbard ha finito per creare due achetipi ugualmente iperbolici: la persona più importante che sia mai esistita e il più grande truffatore al mondo. Hubbard stesso sembrava ruotare attorno a quest'asse, ingigantendo costantemente le sue reali imprese, al punto che alla fine risultava piuttosto facile per i suoi critici sgonfiarle. Ma etichettarlo come un mero impostore significa ignorare gli aspetti complessi, seducenti, deliranti e visionari del suo carattere, che lo hanno reso così irresistibile agli occhi delle tante migliaia di persone che lo hanno seguito e dei milioni di lettori dei suoi libri. Si dovrebbe inoltre ignorare il lavoro di tutta una vita vòlto a creare l'intricata e minuziosa epistemologia che ha attirato così tanti nella sua rete, primo fra tutti Hubbard stesso. (p. 38)
 
==Bibliografia==
21 186

contributi