Differenze tra le versioni di "Demetrio il Cinico"

traduzione supplementare moderna
(refuso)
(traduzione supplementare moderna)
 
'''Demetrio''' (I sec. d.C.), filosofo greco antico.
 
*EgliDi solito è più utilevantaggioso saperepossedere un pochipiccolo ammaestramentinumero di benprecetti fare,filosofici purchése tuli glihai sappia bene,portata di mano e tepronti ne serviall'uso, che non averne apparatiimparati molti, esenza non gli havere ammaniti, e in unpotersene puntoservire.<ref>Citato in [[Lucio Anneo Seneca]], ''De[https://books.google.it/books?id=TkiODAAAQBAJ Sui benefiziibenefici]'', 7,1,3, a traduzionecura di [[BenedettoMartino Varchi]]Menghi, FirenzeLaterza, 1554Bari, [https://books2015.google.it/books?hl=it&id=XVPiGdZ1zxwC&pg=PA178#v=onepage&q&f=false p.ISBN 178]9788858114803.</ref>
**Egli è più utile sapere pochi ammaestramenti di ben fare, purché tu gli sappi bene, e te ne servi, che averne apparati molti, e non gli havere ammaniti, e in un punto.<ref>Citato in Lucio Anneo Seneca, ''De benefizii'', 7,1, traduzione di [[Benedetto Varchi]], Firenze, 1554, [https://books.google.it/books?hl=it&id=XVPiGdZ1zxwC&pg=PA178#v=onepage&q&f=false p. 178].</ref>
*Io posso, o dèi immortali, lamentarmi di voi su questo solo punto: non mi avete fatto conoscere in anticipo la vostra volontà. Certamente mi sarei posto io per primo nella concreta situazione nella quale mi trovo ora, dopo la vostra chiamata. Volete prendervi i miei figli? Li ho messi al mondo per voi. Volete una parte del mio corpo Prendetela; non è una gran promessa: presto ve lo lascerò tutto. Volete il mio respiro? Perché dovrei frapporre indugio a che voi riscuotiate quanto mi avete prestato? Vi restituirò ben volentieri tutto ciò che reclamerete. Allora? Avrei fatto più volentieri un'offerta che una riconsegna. Che bisogno c'era di portar via? Avreste potuto ricevere. Ma neppure ora porterete via, perché non si strappa una cosa se non a chi la trattiene.<ref>Citato in Lucio Anneo Seneca, ''Della Provvidenza'', 5,5-6. In ''I dialoghi'', introduzione, traduzione, prefazioni e note di Aldo Marastoni, Rusconi, Milano, 1979.</ref>
*Nessun essere mi pare più infelice dell'uomo che non ha mai subìto una [[disgrazia]].<ref>Citato in Lucio Anneo Seneca, ''Della Provvidenza'', 3,3. In ''I dialoghi'', cit. Commento di Seneca: «Perché quell'uomo non ha mai avuto modo di mettersi alla prova.»</ref>
Utente anonimo