Differenze tra le versioni di "Isocrate"

1 687 byte aggiunti ,  1 anno fa
nessun oggetto della modifica
(ortografia)
==Citazioni di Isocrate==
*Non bisogna contentarsi di lodare gli uomini dabbene ma bisogna imitarli.<ref name=Gar>Citato in G. B. Garassini e Carla Morini, ''Gemme'', classe 5 maschile, Sandron, Milano [post. 1911].</ref>
 
*Siate lenti a risolvere ma pronti ad eseguire.<ref name=Gar></ref>
==''Avvertimenti morali a Demonico''==
===[[Incipit]]===
In molte cose, o Demonico, si vede essere non piccola varietà dai pensieri degli uomini buoni e d'assai a quelli delle persone triste e da poco, ma molto più si discorda l'una dall'altra gente nell'uso dell'amicizia. Perocché questi si sforzano di fare onore agli amici allora solamente che gli hanno dinanzi, quelli anco da lontano gli amano; e le familiarità dei tristi in piccolo tempo si sciolgono, ma le amicizie dei buoni nessuno spazio di tempo è bastevole a scancellarle.
 
===Citazioni===
*[...] quelle cose che sono vergogna a farle non sono anche oneste a dirle.
*Non isperar mai, commessa un'azione brutta, che ella abbia a restare occulta. Imperocché quando ella rimanesse nascosta a tutti gli altri, sarebbe pur manifesta a te medesimo.
*[...] il [[piacere]] accompagnato coll'onesto è cosa ottima, altrimenti è la peggior cosa del mondo.
*[...] non men brutta cosa è a non apprendere un buono ammaestramento che tu abbi udito, che a non accettare un dono che ti sia pòrto da un amico.
*[...] di tutti gli averi, solo la [[sapienza]] non è sottoposta a potersi perdere.
*[...] si conosce l'oro nel fuoco e gli [[amico|amici]] nelle avversità.
*Delibera adagio ed eseguisci spacciatamente.
*Cosa grandissima, contenuta in una picciolissima, si è in un corpo umano una mente buona.
*[...] tutti parimente ci condannò il fato a morire, ma solo ai valorosi e buoni assegnò la natura un fine onorato.
 
==''De' doveri del sovrano''==
 
==Bibliografia==
*Isocrate, ''Avvertimenti morali a Demonico'', in ''[http://www.bibliotecaitaliana.it/testo/bibit000058 Operette morali d'Isocrate]'', traduzione di Giacomo Leopardi, in ''Tutte le opere'', a cura di Lucio Felici, Lexis Progetti Editoriali, Roma, 1998. ISBN 88-87083-04-5.
*Isocrate, ''De' doveri del sovrano'', traduzione di Agatone De Luca Tronchet, Tipografia Laccasafsi, Fermo, 1848.
*Isocrate, ''Encomio di Elena'', traduzione di Angelo Teodoro Villa, in "Il rapimento d'Elena" del poeta Coluto di Licopoli nella Tebaide, Milano, 1758-
Utente anonimo