Differenze tra le versioni di "Giuseppe Buttà"

sistemo
(Incipit)
(sistemo)
 
===Citazioni===
*[[Bernardo Tanucci|Tanucci]], nato a Stia nel Cosentino il 1698 da poveri genitori, era divenuto professore di diritto nell'Università di Pisa, ove lo conobbe Carlo<ref>Carlo III di Borbone (1716 – 1788), re di Spagna, di Sicilia e di Napoli.</ref>, e poi lo condusse a Napoli. Uomo di grande ingegno, ma libero pensatore, e quindi nemico del clero e de' Papi. I due concordati che strappò alla prudenza de' Sommi Pontefici, Clemente XII e Benedetto XIV, per le insistenze dell'[[Ferdinando Galiani|abate Galiani]], mezzo libero pensatore, mezzo pulcinella, piacquero a taluno, e furono lodati d'altri professanti eguali teorie.<ref>''[https://archive.org/details/iborbonidinapol02buttgoog/page/n6/mode/1up I Borboni di Napoli al cospetto di due secoli]'', vol. I, Tipografia del giornale La discussione, Napoli, 1877, (pp. 27-28.</ref>)
 
*Tanucci, creato ministro di grazia e giustizia, fece leggi ingiuste e tiranniche contro la Chiesa, dando il primo colpo alla gloriosa dinastia fondata dal suo benefattore Carlo III di Borbone. Egli non volle riflettere, che i governi cattolici persecutori e emancipati dalla Chiesa rimangono senza l'alto appoggio morale e senza base di autorità; e presto o tardi debbono andare in rovina.<ref>''I Borboni di Napoli al cospetto di due secoli'', vol. I, Tipografia del giornale La discussione, Napoli, 1877, (p. 28.</ref>)
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*Giuseppe Buttà, ''[https://archive.org/details/iborbonidinapol02buttgoog/page/n6/mode/1up I Borboni di Napoli al cospetto di due secoli]'', vol. I, Tipografia del giornale La discussione, Napoli, 1877.
 
==Altri progetti==
 
{{DEFAULTSORT:Buttà, Giuseppe}}
 
{{s}}
 
[[Categoria:Scrittori italiani]]
25 888

contributi