Differenze tra le versioni di "Giuseppe Buttà"

Incipit
(Incipit)
'''Giuseppe Buttà''' (1826 – 1886), presbitero, scrittore e memorialista italiano.
 
==''I Borboni di Napoli al cospetto di due secoli''==
==Citazioni di Giuseppe Buttà==
===[[Incipit]]===
Chi si facesse a volger lo sguardo sul Reame di Napoli, quando trovavasi sotto il dominio spagnuolo o tedesco, altrove inorridito lo rivolgerebbe. Nel principio del secolo passato, le condizioni di questa gran parte d'Italia erano oltre ogni dire deplorevoli: finanze, industria, commercio, leggi, erano un ammasso mostruoso di svariate ed illogiche disposizioni. Non senno, non giustizia, ingorde avarizie guidavano la finanza: niente sfuggiva all'esoso tributo; si mercanteggiavano magistrature e titoli di nobiltà, per impinguare non il proprio, ma l'erario dello straniero. <!-- (vol. I, cap. I, pp. 9-10) -->
 
===Citazioni===
*[[Bernardo Tanucci|Tanucci]], nato a Stia nel Cosentino il 1698 da poveri genitori, era divenuto professore di diritto nell'Università di Pisa, ove lo conobbe Carlo<ref>Carlo III di Borbone (1716 – 1788), re di Spagna, di Sicilia e di Napoli.</ref>, e poi lo condusse a Napoli. Uomo di grande ingegno, ma libero pensatore, e quindi nemico del clero e de' Papi. I due concordati che strappò alla prudenza de' Sommi Pontefici, Clemente XII e Benedetto XIV, per le insistenze dell'[[Ferdinando Galiani|abate Galiani]], mezzo libero pensatore, mezzo pulcinella, piacquero a taluno, e furono lodati d'altri professanti eguali teorie.<ref>''[https://archive.org/details/iborbonidinapol02buttgoog/page/n6/mode/1up I Borboni di Napoli al cospetto di due secoli]'', vol. I, Tipografia del giornale La discussione, Napoli, 1877, pp. 27-28.</ref>
 
25 862

contributi