Differenze tra le versioni di "Bione di Boristene"

nessun oggetto della modifica
m
Etichetta: caratteri ripetuti
'''Bione di Boristene''' (III sec. a.C.), filosofo greco.
 
*Chi è [[Giovinezza e senilità|giovine]] usa la forza, ma [[Giovinezza e senilità|invecchiando]] vale per la prudenza.<ref name=§50>Citato in Diogene Laerzio, VII, III, 50.</ref>
*È impossibile piacere alla [[Massa|moltitudine]], se non diventando un pasticcio, o del vino dolce.<ref>Citato in [[Giacomo Leopardi]], ''Pensieri'', [[s:Pensieri (Leopardi)/LIII|§ LIII]], a cura di Marilena Salvarezza, Biblioteca Italiana Tascabile, Milano, 1995.</ref>
*{{NDR|A proposito di un ricco spilorcio}} Costui non possiede la roba, ma la roba lui.<ref name=§50/>
*Facile è la discesa all'Inferno.
*Facile la via dell'[[inferno]], perché vi si va a chiusi occhi.<ref>Citato in Diogene Laerzio, VII, III, 49.</ref>
:''Facilis descensus Averni.''<ref>Citato con traduzione in Giuseppe Fumagalli, ''Chi l'ha detto?'', Ulrico Hoepli, Milano, 1921, [[s:Pagina:Chi l'ha detto.djvu/158|p. 126]].</ref>
*IÈ piùimpossibile travagliatipiacere dialla tutti[[Massa|moltitudine]], sonose quellinon chediventando cercanoun lepasticcio, o del maggiorivino felicitàdolce.<ref>Citato in [[Giacomo Leopardi]], ''Detti memorabili di Filippo OttonieriPensieri'', in[[s:Pensieri ''Operette morali''(Leopardi)/LIII|LIII]], a cura di AlessandroMarilena DonatiSalvarezza, Laterza,Biblioteca Bari,Italiana 1928Tascabile, [[s:Pagina:LeopardiMilano, Giacomo – Operette morali, 1928 – BEIC 18578081995.djvu/146|p. 140]]</ref>
*Gran [[male]] il non poter sopportare il male.<ref name=§48>Citato in Diogene Laerzio, VII, III, 48.</ref>
*I più [[Felicità e infelicità|travagliati]] di tutti, sono quelli che cercano le maggiori [[Felicità e infelicità|felicità]].<ref>Citato in Giacomo Leopardi, ''Detti memorabili di Filippo Ottonieri'', VI, in ''Operette morali'', a cura di Alessandro Donati, Laterza, Bari, 1928, [[s:Pagina:Leopardi, Giacomo – Operette morali, 1928 – BEIC 1857808.djvu/146|p. 140]].</ref>
*Istoltissima cosa è che il Re, nel pianto, a sé i capelli isvelga, come se il dolore si alleggerisse pel farsi calvo.<ref>[[Marco Tullio Cicerone]], ''[https://books.google.it/books?id=_xI-AQAAMAAJ Quistioni tusculane]'', traduzione di anonimo toscano cinquecentesco, a cura di Michele dello Russo, Stamperia del Diogene, Napoli, 1851, p. 123.</ref>
*{{NDR|Sulla [[ricchezza]]}} Nerbo degli affari.<ref name=§48/>
*{{NDR|Biasimato di non procacciarsi {{Sic|un}} amante giovane}} Non si può prendere coll'amo il cacio molle.<ref>Citato in Diogene Laerzio, VII, III, 47.</ref>
*Tanto la [[prudenza]] vince l'altre virtù, quanto la vista gli altri sensi.<ref>Citato in Diogene Laerzio, VII, III, 51.</ref>
*{{NDR|Sulla [[presunzione]]}} Un impedimento al progresso.<ref name=§50/>
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*Diogene Laerzio, ''[https://books.google.it/books?id=FyoVAAAAQAAJ Le vite dei filosofi]'', traduzione di Luigi Lechi, Molina, Milano, 1842.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
 
[[Categoria:Aforisti greci antichi]]
[[Categoria:Cinici]]
[[Categoria:Filosofi greci antichi]]
Utente anonimo