Differenze tra le versioni di "Elio Petri"

382 byte aggiunti ,  1 mese fa
→‎Citazioni di Elio Petri: Amplio con citazione spostata da voce su Wikipedia it. Riordino in ordine alfabetico.
m (+immagine)
(→‎Citazioni di Elio Petri: Amplio con citazione spostata da voce su Wikipedia it. Riordino in ordine alfabetico.)
 
==Citazioni di Elio Petri==
*Anche il rapporto degli artisti con il denaro è diverso da quello istituzionale: essi non producono per guadagnare, ma guadagnano perché producono e questo si può dire anche di artisti corrotti o ricchissimi. L'arte è superflua. [...] Essi dilatano ogni istante della loro esistenza, come i sognatori.<ref name=Rossi/>
*L'[[intellettuale]] è uno studioso, qualcuno ''dressé'' per esserlo, qualcuno che paradossalmente è stato tarato proprio nell'intelletto, per esserlo, e che opera essenzialmente con la ragione, che è poi una ragione ''iper-dressé'', iper-alimentata e, in definitiva, iper-amata.<ref name=Rossi>Citato in Alfredo Rossi, ''Elio Petri e il cinema politico italiano'', Mimesis Edizioni, Milano, 2015, p. 31. ISBN 9788857529561</ref>
*Il [[Neorealismo]], se non è inteso come vasta esigenza di ricerca e di indagine, ma come vera e propria tendenza poetica, non ci interessa più (...) Occorre fare i conti con i miti moderni, con le incoerenze, con la corruzione, con gli esempi splendidi di eroismi inutili, con i sussulti della morale: occorre sapere e potere rappresentare tutto ciò.
*I miei testi li trovavo nelle sezioni del partito comunista e sui carrettini dei libri usati. I miei eroi: [[Totò]], [[Humphrey Bogart|Bogart]] e [[Stendhal#Il rosso e il nero|Julien Sorel]].<ref name=Rossi/>
*La libertà di espressione va difesa per quello che essa fondamentalmente rappresenta: il diritto degli artisti di esprimersi e di indagare criticamente sul corpo della realtà in cui vivono, qualunque sia la società in cui vivano.<ref>"Città aperta", 1, 25 maggio 1957, in Elio Petri, ''Scritti di cinema e di vita'', a cura di J.A. Gili, p. 33, Bulzoni Editore, 2007</ref>
*L'[[intellettuale]] è uno studioso, qualcuno ''dressé'' per esserlo, qualcuno che paradossalmente è stato tarato proprio nell'intelletto, per esserlo, e che opera essenzialmente con la ragione, che è poi una ragione ''iper-dressé'', iper-alimentata e, in definitiva, iper-amata.<ref name=Rossi>Citato in Alfredo Rossi, ''Elio Petri e il cinema politico italiano'', Mimesis Edizioni, Milano, 2015, p. 31. ISBN 9788857529561</ref>
*Un intellettuale è qualcuno che si fa in serra, le cose gliele raccontano, la sua soggettività non è mai in gioco, e sarà sempre se stesso, senza dubbi, anche ove ponesse in dubbio tutto intero il suo stare in serra, vive per la sua funzione e la tiene bene al riparo dalla vita.<ref name=Rossi/>
*Anche il rapporto degli artisti con il denaro è diverso da quello istituzionale: essi non producono per guadagnare, ma guadagnano perché producono e questo si può dire anche di artisti corrotti o ricchissimi. L'arte è superflua. [...] Essi dilatano ogni istante della loro esistenza, come i sognatori.<ref name=Rossi/>
*Il Neorealismo, se non è inteso come vasta esigenza di ricerca e di indagine, ma come vera e propria tendenza poetica, non ci interessa più (...) Occorre fare i conti con i miti moderni, con le incoerenze, con la corruzione, con gli esempi splendidi di eroismi inutili, con i sussulti della morale: occorre sapere e potere rappresentare tutto ciò.
 
==Note==
487

contributi