Libro dei Giudici: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
[[Immagine:Solomon de Bray - Jael, Deborah, and Barak.jpg|thumb|upright=0.8|left|''Giaele, Debora e Barac'' ([[Francisco Goya|F. Goya]], 1630 ca.)]]
 
Dopo la morte di [[Giosuè (Bibbia)|Giosuè]], gli Israeliti consultarono il Signore dicendo: "Chi di noi andrà per primo a combattere contro i [[CanaanCananea|Cananei]]?". Il Signore rispose: "Andrà [[Giuda (tribù)|Giuda]]: ecco, ho messo il paese nelle sue mani". Allora Giuda disse a [[Simeone (tribù)|Simeone]] suo fratello: "Vieni con me nel paese, che mi è toccato in sorte, e combattiamo contro i Cananei; poi anch'io verrò con te in quello che ti è toccato in sorte". Simeone andò con lui. Giuda dunque si mosse e il Signore mise nelle loro mani i Cananei e i Perizziti; sconfissero a Bezek diecimila uomini. Incontrato [[Adoni-Bezek]] a Bezek, l'attaccarono e sconfissero i Cananei e i Perizziti. Adoni-Bezek fuggì, ma essi lo inseguirono, lo catturarono e gli amputarono i pollici delle mani e dei piedi. Adoni-Bezek disse: "Settanta re con i pollici delle mani e dei piedi amputati, raccattavano gli avanzi sotto la mia tavola. Quello che ho fatto io, Dio me lo ripaga". Lo condussero poi a [[Gerusalemme]] dove morì. I figli di Giuda attaccarono Gerusalemme e la presero; la passarono a fil di spada e l'abbandonarono alle fiamme.
 
==Citazioni==