Differenze tra le versioni di "Gustave Flaubert"

Recupero.
(Rv. Senza fonte.)
Etichetta: Ripristino manuale
(Recupero.)
*L'[[arte]], in certe circostanze, scuote gli animi mediocri, e interi mondi possono essere rivelati loro dai suoi interpreti più grossolani.<ref>Da ''Bouvard e Pécuchet''</ref>
*L'[[artista]] deve fare in modo che la posterità creda ch'egli non abbia vissuto.<ref>Da ''Corrispondenza'', febbraio 1842</ref>
*L'insieme del [[Lago di Como|lago]] è dolce, amoroso, italiano. Primi piani scoscesi, tinte calde delle abitazioni; orizzonte nevoso e tutto orlato da splendide abitazioni, fatte per lo studio e per l'amore. – Taglioni, Pasta, sulla riva sinistra del lago partendo da Como. – Villa Sommariva; scala di pietra che discende fin nell'acqua per imbarcarsi nella gondola, grandi alberi, rose che sbocciano su una fontana.
:''L'ensemble du lac est doux, amoureux, italien. Premiers plans escarpés, teintes chaudes des maisons; horizon neigeux et tout bordé d'habitations exquises faites pour l'étude et pour l'amour. — Taglioni, Pasta, sur la rive gauche du lac en partant de Côme. — Villa Sommariva; escalier de pierre descendant jusque dans l’eau pour s’embarquer dans la gondole, grands arbres, roses qui poussent sur une fontaine.''<ref>{{fr}}Da ''Notes de voyages'', I, '' Œuvres completes de Gustave Flaubert'', tome IV'', Louis Conard, Parigi, 1910, [https://fr.wikisource.org/wiki/Page:Flaubert_-_Notes_de_voyages,_I.djvu/47 p. 44].</ref>
*La [[foglia]] caduta si agita e vola via col vento. Non diversamente io vorrei volare, andarmene, partire per non più tornare, e non importa dove, pur di lasciare il mio paese. La mia casa mi pesa sulle spalle: sono troppe volte entrato e uscito dalla stessa porta, ho tante volte alzato gli occhi allo stesso punto, sul soffitto della camera, che dovrebbe essersi ormai consumato.<ref>Da ''Novembre''</ref>
*Lascia che ti ami a modo mio, secondo il mio essere, coi segni originali che conosci. Non forzarmi mai, farò tutto.<ref>Invocazione di Flaubert nella seconda delle quasi cento lettere a Louise Colet; citato in ''L'amore è tutto'' di [[Dino Basili]], p. 40, Tascabili economici newton, Febbraio 1996</ref>