Differenze tra le versioni di "Thomas Mann"

1 247 byte aggiunti ,  4 mesi fa
→‎Incipit: +1 citazione.
(→‎Incipit: +1 citazione.)
===[[Incipit]]===
Se a queste notizie sulle vicende del defunto Adrian Leverkühn, alla prima e certo molto provvisoria biografia dell'uomo diletto, così terribilmente provato, innalzato e abbattuto dal destino, alla vita del geniale musicista premetto alcune parole su me stesso e sulle mie condizioni, dichiaro in modo assoluto che non lo faccio per il desiderio di mettere avanti la mia persona.
 
===Citazioni===
*{{NDR|Sulla [[Sonata per pianoforte n. 32 (Beethoven)|Sonata per pianoforte n. 32, op. 111 di Beethoven]]}} Un terzo tempo? Una nuova ripresa... dopo questo addio? Un ritorno... dopo questo commiato? Impossibile. Tutto era fatto: nel secondo tempo, in questo tempo enorme la sonata aveva raggiunto la fine, la fine senza ritorno. E se diceva "la sonata" non alludeva soltanto a questa, alla sonata in do minore, ma intendeva la sonata in genere come forma artistica tradizionale: qui terminava la sonata, qui essa aveva compiuto la sua missione, toccato la meta oltre la quale non era possibile andare, qui annullava se stessa e prendeva commiato — quel cenno d'addio del motivo re-sol-sol, confortato melodicamente dal do diesis, era un addio anche in questo senso, un addio grande come l'intera composizione, il commiato dalla Sonata.<ref>Traduzione di [[Ervino Pocar]], dall'edizione Mondadori, Milano, 1980, p. 75. Citato in [[Sigmund Freud]], ''L'elaborazione del lutto. {{small|Scritti sulla perdita}}'', a cura di Alberto Luchetti, traduzione di Irene Giannì, Rizzoli BUR Minima, Milano, 2013, [https://books.google.it/books?id=6a2uAQAAQBAJ&lpg=PT11&dq=&pg=PT11#v=onepage&q&f=false p. 11]. ISBN 978-88-58-66021-8</ref>
 
===[[Explicit]]===