Differenze tra le versioni di "Scherzo"

80 byte aggiunti ,  28 giorni fa
+1
m (+immagine)
(+1)
 
 
*Datemi, o Signore, il senso del [[ridicolo]]. Concedetemi la grazia di comprendere uno scherzo, affinché conosca nella vita un po' di gioia e possa farne parte anche ad altri. ([[Tommaso Moro]])
*Degli scherzi fa d'uopo usarne come il sale, parcamente. ([[Giovanni Stobeo]])
*Esistono in tutto due generi di scherzo: uno volgare, violento, vergognoso e osceno, e un altro elegante, urbano, ingegnoso e fine. Di questo secondo tipo sono intrisi non solo il nostro [[Tito Maccio Plauto|Plauto]] e la Commedia greca antica, ma anche i libri dei filosofi [[Socrate|socratici]]. ([[Marco Tullio Cicerone]])
*Io penso, infatti, che chi scherza e si diverte debba mettersi a trattare con persone allegre e che vogliono stare reciprocamente allo scherzo: [[Bione di Boristene|Bione]] era solito dire che mentre i bambini giocano a colpire le [[rana|rane]] con le pietre, le rane invece non possono più giocare a morire, ma muoiono per davvero. ([[Plutarco]])