Guido De Ruggiero: differenze tra le versioni

raggruppo Filosofi del Novecento
(→‎Citazioni di Guido De Ruggiero: la filosofia di Jaspers)
(raggruppo Filosofi del Novecento)
 
==Citazioni di Guido De Ruggiero==
*Forse a voler guardare fino in fondo, si può trovare che il limite del filosofo non è diverso da quello dello storico. Non è un mero caso che anche le opere storiche del [[Wilhelm Dilthey|Dilthey]] ci siano giunte nello stesso stadio d'incompiutezza e di scarsa organicità, ma piene di vita e ricche di rilevo nelle singole parti. Il Dilthey aveva piuttosto l'ambizione e l'ansia della grande sintesi storica che la capacità di realizzarla. E questa insufficienza tradiva, in fondo, un errore della sua dottrina storiografica. (da ''[https://archive.org/details/DeRuggieroFilosofiDelNovecento Filosofi del Novecento]'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', IV ed., Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950, p. 233)
*<nowiki>[</nowiki>[[Alessandro Magno]]<nowiki>]</nowiki> distrusse Tebe e risparmiò Atene, in rispetto al suo passato in derisione al suo presente. (da ''Storia della filosofia greca'', vol. II, 1950)
*[La filosofia spinoziana] è il documento di una nuova alleanza tra il presente e il passato. Alla fine del XVIII secolo, quando il [[Cartesio|cartesianesimo]], come scuola filosofica in senso stretto, sarà già tramontato da un pezzo, il pensiero [[Baruch Spinoza|spinoziano]], appena riscoperto, avrà ancora qualcosa di nuovo e di vivo da dire al mondo. Esso darà alle insopprimibili esigenze metafisiche dello spirito umano, prima e dopo di [[Immanuel Kant|Kant]], quel fervore religioso, quell'afflato panico, quell'indirizzo unitario, senza i quali ogni metafisica inevitabilmente languisce. E darà ancora in una trasparente formulazione cartesiana, alcuni dei risultati più vitali di un secolare travaglio speculativo, come segno, e insieme come pegno, di una più larga collaborazione umana, al di sopra dei tempi. (da ''Storia della filosofia'', parte quarta, ''La filosofia moderna'', ''L'età cartesiana'', Laterza, Bari, 1939)
*La filosofia di [[Karl Jaspers|Carlo Jaspers]] non differisce essenzialmente da quella di Heidegger, ma è più diluita, più abbondante, più incline a estendere la sfera dell'esperienza esistenziale. (da ''Filosofi del Novecento'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', IV ed., Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950, p. 293)
*[...] la più efficace difesa della civiltà e della cultura... si è avuta in Italia, per opera di [[Benedetto Croce]]. Se da noi solo una frazione della classe colta ha capitolato di fronte al nemico... a differenza di quel che è avvenuto in Germania, moltissimo è dovuto al Croce. (da ''Nuova Europa''; citato in [[Leo Valiani]], ''La filosofia della libertà'', Edizioni di Comunità, Milano, 1963)
*La psicologia è la parte più nuova e originale del [[tomismo]]: quella che ne fa una dottrina ben differenziata dagli altri sistemi della scolastica, ed intorno alla quale si accendono pertanto le dispute più vivaci. (da ''Storia della filosofia'', parte terza, ''La filosofia del Cristianesimo'', vol. 3, Laterza, Bari, 1964, [https://archive.org/details/DeRuggieroMaturitaDellaScolastica/page/n152 cap. 17, p. 155])
 
*{{NDR|Wilhelm Dilthey}} [...], pur avendo esordito {{sic|col}} psicologismo, egli ha compiuto tutti gli sforzi possibili per liberarsene, o almeno per integrarlo con una visione speculativa, mutuata dall'idealismo classico tedesco. Egli non tardava infatti a convincersi che «l'anima» della psicologia empirica non potesse servire da criterio d'interpretazione della storia, e vagheggiava una psicologia di ordine superiore, che avesse per proprio soggetto, invece dell'anima, lo spirito. (da ''[https://archive.org/details/DeRuggieroFilosofiDelNovecento Filosofi del Novecento]'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', quarta edizione, Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950, p. 240)
==''Filosofi del Novecento''==
*Forse a voler guardare fino in fondo, si può trovare che il limite del filosofo non è diverso da quello dello storico. Non è un mero caso che anche le opere storiche del [[Wilhelm Dilthey|Dilthey]] ci siano giunte nello stesso stadio d'incompiutezza e di scarsa organicità, ma piene di vita e ricche di rilevo nelle singole parti. Il Dilthey aveva piuttosto l'ambizione e l'ansia della grande sintesi storica che la capacità di realizzarla. E questa insufficienza tradiva, in fondo, un errore della sua dottrina storiografica. (da ''[https://archive.org/details/DeRuggieroFilosofiDelNovecento Filosofi del Novecento]'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', IV ed., Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950, p. 233)
 
*{{NDR|Wilhelm Dilthey}} [...], pur avendo esordito {{sic|col}} psicologismo, egli ha compiuto tutti gli sforzi possibili per liberarsene, o almeno per integrarlo con una visione speculativa, mutuata dall'idealismo classico tedesco. Egli non tardava infatti a convincersi che «l'anima» della psicologia empirica non potesse servire da criterio d'interpretazione della storia, e vagheggiava una psicologia di ordine superiore, che avesse per proprio soggetto, invece dell'anima, lo spirito. (da ''[https://archive.org/details/DeRuggieroFilosofiDelNovecento Filosofi del Novecento]'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', quarta edizione, Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950, p. 240)
 
*La filosofia di [[Karl Jaspers|Carlo Jaspers]] non differisce essenzialmente da quella di Heidegger, ma è più diluita, più abbondante, più incline a estendere la sfera dell'esperienza esistenziale. (da ''Filosofi del Novecento'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', IV ed., Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950, p. 293)
 
==Bibliografia==
*Guido De Ruggiero, ''[https://archive.org/details/DeRuggieroFilosofiDelNovecento Filosofi del Novecento]'', appendice a ''La filosofia contemporanea'', Gius. Laterza & Figli, Bari, 1950<sup>4</sup>.
 
==Altri progetti==
34 087

contributi