Julian Barnes: differenze tra le versioni

4 056 byte aggiunti ,  1 anno fa
+immagine, +incipit, -stub, +defaultsort
m (Bot: migrazione automatica di 4 collegamenti interwiki a Wikidata: d:Q295431)
(+immagine, +incipit, -stub, +defaultsort)
[[File:Julian Barnes 2019 (cropped).jpg|thumb|Julian Barnes, 2019]]
'''Julian Barnes''' (1946 – vivente), scrittore britannico.
 
==[[Incipit]] di ''Unaalcune storia del mondo in 10 capitoli e mezzo''opere==
===''Amore, dieci anni dopo''===
Salve!<br>Noi ci conosciamo. Stuart. Stuart Hughes.<br>Altroché. Certissimo. Sarà una decina d'anni fa.<br>Non fa niente – succede. Non occorre fingere. Il punto è che io di te mi ricordo. ''I'' remember ''you''. Come potrei dimenticare, giusto? Forse un po' piú di dieci anni, ora che ci penso.
 
===''Amore, ecc.''===
Mi chiamo Stuart, e mi ricordo di tutto. Stuart è il mio nome di battesimo. Il mio nome per intero è Stuart Hughes. Nome e cognome, ''al completo''. Niente secondo nome. Hughes era il cognome dei miei genitori, che sono stati sposati per venticinque anni. Mi hanno chiamato Stuart.
 
===''Guardando il sole''===
Ecco com'è andata. Era una notte calma e senza luci del giugno 1941 quando il sergente-pilota Thomas Prosser incrociava nei cieli della Francia settentrionale. Il suo Hurricane IIB si confondeva nel nero della notte.
 
===''Il pedante in cucina''===
Sono un cuoco tardivo. Durante la mia infanzia, la convenzionale pruderie borghese proteggeva ogni azione si svolgesse nella cabina elettorale, nel letto di due coniugi e nel confessionale. Mi era sfuggito un quarto luogo segreto – segreto, quanto meno, per i maschi – nella casa della classe media inglese: la cucina.
 
===''Il porcospino''===
Il vecchio era in piedi davanti alla finestra del sesto piano, alla distanza impostagli dal soldato. Fuori, un buio inconsueto ammantava la città; dentro, la poca luce della lampada da tavolo si rifletteva debolmente sulla spessa montatura metallica degli occhiali.
 
===''Il senso di una fine''===
Ricordo, in ordine sparso:<br>
– un lucido interno polso;<br>
– vapore che sale da un lavello umido dove qualcuno ha gettato ridendo una padella rovente;<br>
– fiotti di sperma che girano dentro uno scarico prima di farsi inghiottire per l'intera altezza di un edificio;<br>
– un fiume che sfida ogni legge di natura, risalendo la corrente, rovistato onda per onda dalla luce di una decina di torce elettriche;<br>
– un altro fiume, ampio e grigio, la cui direzione di flusso è resa ingannevole da un vento teso che ne arruffa la superficie;<br>
– una vasca da bagno piena d'acqua ormai fredda da un pezzo, dietro una porta chiusa.<br>
L'ultima immagine non l'ho propriamente vista, ma quel che si finisce per ricordare non sempre corrisponde a ciò di cui siamo stati testimoni.
 
===''Livelli di vita''===
Metti insieme due cose che insieme non sono mai state. E il mondo cambia. Sul momento è possibile che la gente non se ne accorga, ma non ha importanza. Il mondo è cambiato lo stesso.
 
===''Metroland''===
Nessun divieto impedisce di entrare alla National Gallery con un binocolo.<br>
Quello specifico mercoledì pomeriggio dell'estate del 1963, Toni aveva con sé il taccuino e io il binocolo.
 
===''Prima di me''===
La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia. Anzi, sotto sotto ne rimase persino divertito. E neppure gli venne in mente di proteggere la figlia mettendole una mano sugli occhi.
 
===''Una storia del mondo in 10 capitoli e mezzo''===
Installarono i behemoth nella stiva, in compagnia degli ippopotami, dei rinoceronti, degli elefanti. Fu un'ottima idea quella di utilizzarli come forza di contrappeso, ma immaginatevi la puzza. E non c'era nessuno che asportasse lo sterco.
 
==Bibliografia==
*Julian Barnes, ''Amore, dieci anni dopo'', traduzione di Susanna Basso, Einaudi, 2014. ISBN 9788806220303
*Julian Barnes, ''Amore, ecc.'', traduzione di Riccardo Mainardi, Einaudi, 2013. ISBN 9788806217464
*Julian Barnes, ''Guardando il sole'', traduzione di Daniela Fargione, Einaudi, 2019. ISBN 9788806221799
*Julian Barnes, ''Il pedante in cucina'', traduzione di Daniela Fargione, Einaudi, 2020. ISBN 9788806244057
*Julian Barnes, ''Il porcospino'', traduzione di Daniela Fargione, Einaudi, 2017. ISBN 9788806221775
*Julian Barnes, ''Il senso di una fine'', traduzione di Susanna Basso, Einaudi, 2014. ISBN 9788806220808
*Julian Barnes, ''Livelli di vita'', traduzione di Susanna Basso, Einaudi, 2014. ISBN 9788806222871
*Julian Barnes, ''Metroland'', traduzione di Daniela Fargione, Einaudi, 2015. ISBN 9788806150822
*Julian Barnes, ''Prima di me'', traduzione di Daniela Fargione, Einaudi, 2017. ISBN 9788806221768
*Julian Barnes, ''Una storia del mondo in 10 capitoli e mezzo'', traduzione di Riccardo Mainardi, Einaudi.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w}}
 
{{DEFAULTSORT:Barnes, Julian}}
{{stub}}
[[Categoria:Scrittori britannici|Barnes]]
29 317

contributi