Differenze tra le versioni di "Monumento"

1 672 byte aggiunti ,  3 mesi fa
+2
(+1)
(+2)
 
*Il primo monumento da {{sic|ristaurare}} è l'uomo. ([[Salvatore Morelli]])
*L'idea di dedicare monumenti agli uomini che si sono resi utili ai popoli è onorevole per le nazioni; converrebbe solo lasciare ai secoli avvenire la cura d'innalzarli, quando essi confermano la buona opinione che si formò dapprima degli eroi. ([[Napoleone Bonaparte]])
 
*{{NDR|Sulla rimozione dei monumenti}} La differenza sta nel tempo – non nel tempo trascorso ma nel tempo presente. [...] Di [[Giulio Cesare]] e [[Traiano]] mi preoccuperei se qualcuno adesso progettasse di invadere la [[Gallia]] o impadronirsi della [[Dacia]] (e infatti di loro si è ampiamente servito l’Impero Fascista quando voleva rinnovare i fasti di Roma Imperiale). Posso un po’ faticosamente convivere con Corso [[Margherita di Savoia|Regina Margherita]] o piazza [[Vittorio Emanuele III di Savoia|Vittorio]] perché nessuno pensa seriamente di far tornare il re; ma è più difficile convivere con «[[Mussolini]] Dux» perché non solo serve a celebrare quel passato, ma legittima adesso i [[neofascismo|fascisti]] che poi trovo dentro lo stadio, [[Forza Nuova]], [[Casa Pound]], [[Fratelli d'Italia (partito politico)|Fratelli d’Italia]], ed è adesso che mi fa paura. ([[Alessandro Portelli]])
*La vicinanza d'uno edificio volgare, ti fa subito afferrare la sublimità e le proporzioni del monumento vicino. ([[Vittorio Imbriani]])
*Ogni monumento, per continuare a vivere, non può essere separato senza danno, spesso irreparabile, dall'ambiente circostante. ([[Giorgio Bassani]])
*Strada facendo possiam dire che elevare un monumento ad un uomo ancora in vita è lo stesso che dichiarare che su quanto lo concerne non si ha fidanza nella posterità. ([[Arthur Schopenhauer]])
*Tutti monumenti commemorativi devono essere per il pubblico magniloquenti, e la sobrietà allontana. ([[Jean Alazard]])
*Un monumento esiste perché qualcuno l’ha eretto, e l’ha eretto con qualche intenzione: è un messaggio, un segno di quelle intenzioni. Così, quasi tutte le statue dei gerarchi sudisti sono state erette a cavallo del ‘900 per sancire il consolidamento della segregazione razziale, o ancora negli anni ’50 come reazione al movimento per i diritti civili (allo stesso modo, intitolare oggi strade a Giorgio Almirante non serve a ricordare un discutibile passato, ma a proporne la continuità e il ritorno). Queste icone, lungi dallo svolgere una funzione di [[storia]] e [[memoria]], impongono una sola memoria su tutte le altre, congelano la storia in un passato monumentale e negano tutta la storia che è venuta dopo. ([[Alessandro Portelli]])
 
==Altri progetti==
14 387

contributi