Differenze tra le versioni di "David Silvagni"

sistemo e tolgo stub
(→‎Citazioni di David Silvagni: nota Ciceruacchio)
(sistemo e tolgo stub)
'''David Silvagni''' (1831 – 1897), storico e prefetto italiano.
 
==''La corte e la società romana nei secoli XVIII e XIX''==
==Citazioni di David Silvagni==
*Giovanni Maria {{NDR|Mastai Ferretti}} divenuto pontefice e regnando tanti anni, non arricchì i nepoti e ciò fu bene; ma forse li lasciò troppo poveri, sicché alla sua morte essi mossero causa prima agli esecutori testamentari, e poi al Governo, per ottenere una quota dell'appannaggio dovuto dal Tesoro pubblico al Papa. I Mastai furono soccombenti; e [[Papa Pio IX|Pio IX]], che aveva arricchito tanti cortigiani così sfacciatamente, lasciò che il suo nome non fosse benedetto neppure dai suoi discendenti.<ref>Da ''[https://archive.org/details/lacorteesocietar03silv/page/n8/mode/1up/ La corte e la società romana nei secoli XVIII e XIX]'', Forzani e C. Tipografi del Senato, Roma, 1885, (vol. III, p. 539.</ref>)
 
*Ucciso Rossi<ref>[[Pellegrino Rossi]] fu accoltellato sulle scale del Palazzo della Cancelleria il 15 novembre 1848.</ref>, il Papa {{NDR|Pio IX}} si mise interamente nelle braccia del cardinale [[Giacomo Antonelli|Antonelli]], il quale, come vedemmo, cospirò coi nemici dell'Italia per trafugare il Papa<ref>Il 24 novembre 1848, Pio IX lasciò nottetempo Roma per rifugiarsi nel Regno delle Due Sicilie, a Gaeta.</ref>, e impedì che i più rispettabili uomini dello Stato potessero mai più avvicinarlo a fargli comprendere quanto grande era la sua responsabilità in faccia al suo popolo, all'Italia e alla Storia.<ref>Da ''La corte e la società romana nei secoli XVIII e XIX'', Forzani e C. Tipografi del Senato, Roma, 1885, (vol. III, pp. 695-696.</ref>)
 
*A Roma il Cardinale {{NDR|Antonelli}} dava in pasto ai prelati, giudici del Tribunale supremo della Consulta, una serie infinita di vittime che, giudicate e condannate alla forma della S. Inquisizione, cioè senza legali testimonianze, senza difesa e senza appello, venivano o mandate in catena al Forte Urbano o uccise, sicché nella città di Sinigaglia ne furono fucilati ventiquattro in un sol giorno.<br>È vero che molti erano rei di atroci delitti, ma la forma dei giudizî, la implacabilità dei giudici e le pene spietate rendevano questi atti inumani piuttosto immagine di vendetta che di giustizia; senza dire che i Brunetti padre e figlio<ref>[[Angelo Brunetti]] (''Ciceruacchio'') e il figlio tredicenne Lorenzo.</ref>, fucilati sul Po, il prete Ugo Bassi e Liverani, trucidati a Bologna nel 1849, non avevano altra colpa che quella di aver combattuto contro l'Austria; come i giovani Succi, Malagutti e Parmeggiani, fucilati in Ferrara nel 1853, non erano rei che di aspirazioni nazionali.<ref>Da ''La corte e la società romana nei secoli XVIII e XIX'', Forzani e C. Tipografi del Senato, Roma, 1885, (vol. III, pp. 697-698.</ref>)
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*David Silvagni, ''[https://archive.org/details/lacorteesocietar03silv/page/n8/mode/1up/ La corte e la società romana nei secoli XVIII e XIX]'', vol. III, Forzani e C. Tipografi del Senato, Roma, 1885.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
 
{{s}}
{{DEFAULTSORT:Silvagni, David}}
[[Categoria:Prefetti italiani]]
29 285

contributi