Differenze tra le versioni di "Artista"

86 byte aggiunti ,  5 mesi fa
+1
(+1)
(+1)
*Costui è vero, non è più un servo come per esempio lo era – ci ricorda Haskell – Andrea Sacchi che nella casa del cardinale Antonio Barberini era messo nella stessa categoria di un giardiniere, di un nano e di una vecchia nutrice; no, l'artista moderno è un uomo libero, libero fino al punto di non sentire neanche il bisogno d'imparare il suo mestiere. Suo solo compito è di secondare il suo genio. O almeno può credersi che sia così, se non si sapesse che la domanda del mercato, e gl'interessi dei mercanti di quadri [...] costituiscono oggi quelle condizioni esteriori che in altri tempi in modo forse meno sordido e molto più sincero, erano determinate dalla volontà di mecenati e di organismi ecclesiastici. ([[Mario Praz]])
*Diventare artista! Avere il mio studio! Nel mio studio mettere un pianoforte per Te! Oh il mio sogno! Avere i fiori, la donna, la purissima arte, qualche libro tedesco e qualche inglese e francese! Essere artista! ([[Ambrogio Bazzero]])
*È inutile essere un artista se devi vivere come un impiegato. (''[[La stangata]]'')
*È iscritta nell'animo umano la ''chiamata all'immortalità''. Essa è iscritta nell'animo dell'artista, quando con l'opera del proprio talento, del suo genio, cerca di ''superare il limite'' del transuente e della morte. ([[Papa Giovanni Paolo II]])
*È una vita che vivo da clandestino. Un artista vive sempre in fuga, ma non in fuga da se stesso o dalla realtà, vive in fuga dai posti di blocco del conservatorismo, dall'omologazione, dall'ipocrisia. L'artista è l'unico che racconta le cose senza strumentalizzarle perché non ne ha bisogno. Ed è in fuga da tutte queste forze che lo vogliono bloccare, far star zitto. ([[Vasco Rossi]])
14 387

contributi