Differenze tra le versioni di "Leggi razziali fasciste"

nessun oggetto della modifica
m (→‎Altri progetti: ordinamento)
*Le leggi razziali furono un'infamia del fascismo. Non l'unica, ma certamente la più grave. Isolarono la comunità ebraica, furono l'anticamera della deportazione. ([[Gianni Alemanno]])
*Le leggi razziali noi le abbiamo condannate. Punto e stop. Se vogliamo parlarne dobbiamo anche raccontare quanti ebrei sono stati salvati dagli italiani. ([[Mirko Tremaglia]])
*Mio padre era il [[Fascismo|podestà fascista]] di Civitavecchia, mia madre un’ebrea indifesa, colpita nel 1938 dalle leggi antisemite. Mio padre non fece la scelta di starle accanto. Non ebbe il coraggio. E andò per la sua strada. ([[Maria Lisa Cinciari Rodano]])
*Se nella vita dell'umana società nulla di bene – è vero – si perde, producono anche i loro frutti nefasti i semi del male. Ma soprattutto è menomata la dignità della Nazione italiana che, risorgendo nel mondo, fu salutata come creatura prediletta della libertà, ed è stata finora sempre umana ed accogliente verso le altre genti, ospitandole, armonizzandole, fondendole nell'orbita spirituale della sua civiltà. Ora una manciata di fango disonora la Patria Italiana: da tutti i cuori dei suoi figli deve erompere un solo grido di protesta, di disgusto, di indignazione. ([[Michele Cifarelli]])
 
2 394

contributi