Carlo Porta: differenze tra le versioni

1 954 byte aggiunti ,  2 anni fa
(wlink.)
[[File:Porta - Poesie milanesi, 1921.djvu|page=9|thumb|Edizione del 1921]]
Figlio mio,<br />A te Giuseppe figliuol mio carissimo ed amatissimo dedico, consagro e dono questo libercolo per te appostamente scritto di mio proprio pugno, e sul quale mi è piaciuto di consegnare tutta quella parte de' miei vernacoli componimenti, che mi è avvenuto di poter raccostare sia coll'aiuto della memoria (che sempre viva mantenni di talun d'essi) sia coll'aiuto degli amici, che a me di buon grado ritornarono quanto delle cose mie era stato da loro in vari tempi raccolto. Io non pretendo in essi esibirti un modello di poesia da dovere, o poter imitare; pretendo bensì di esserti esempio in ciò, che fui nemico in ogni tempo dell'ozio e che ebbi dall'amor delle [[letteratura|lettere]], almeno in questo modo additata, se non in altro migliore, una strada sicura per sottrarmi alle di lui insidie e fuggirlo.
 
===''Desgrazzi de Giovannin Bongee''===
''Deggià, Lustrissem, che semm sul descors | de quij prepotentoni de Frances, | ch’el senta on poo mò adess cossa m’è occors | jer sira in tra i noeuv e mezza e i des, | giust in quell’ora che vegneva via | sloffi e stracch come on asen de bottia''.
:''Di gia, Illustrissimo, che siamo sul discorso | di quei prepotentoni di Francesi, | che senta un po' adesso che cosa mi è capitato | ieri sera tra le nove e mezzo e le dieci, | proprio in quell'ora in cui venivo via | floscio e stanco come un asino, da bottega''.
 
===''La Ninetta del Verzee''===
''Bravo el mè Baldissar! bravo el mè nan! | l’eva poeù vora de vegnì a trovamm... | T’el seet mattascion porch che maneman | l’è on mes che no te vegnet a ciollamm? | Ah Cristo! Cristo! com’hin frecc sti man! | Bell bell... speccia on freguj... te voeu geramm, | bolgirossa! che giazz! aja i mee tett! | che bell cojon, sont minga on scoldalett.
:''Bravo il mio Baldassarre! bravo il mio ninetto! | era poi ora di venire a trovarmi... | Lo sai mattacchione porco che quasi | è un mese che non vieni a fottermi? | Ah Cristo! Cristo! come sono fredde queste mani! | Piano piano... aspetta un po'... tu vuoi gelarmi, | caspita! che ghiaccio! ahi le mie tette! | che bel coglione, non sono mica uno scaldaletto''.
 
===''Lament del Marchionn di gamb avert''===
''Moros dannaa, tradii de la morosa, | pien de loeuj, de fastidi e pien de corna, | sercemm chì tucc d’intorna, | stee chì a sentì l’istoria dolorosa | del pover Marchionn, | del pover Marchionn che sont mì quell, | striaa e tiraa a bordell | de la cappa de tucc i bolgironn!''
:''Morosi, dannati, traditi dalla morosa, | pieni di tedio, di fastidi e pieni di corna, | circondatemi qui tutti, | state a sentire la storia dolorosa | del povero Melchiorre, | del povero Melchiorre che sono io quello, | stregato e tirato alla malora | dalla capoccia di tutte le imbroglione!''
 
==Citazioni su Carlo Porta==
30 057

contributi