Differenze tra le versioni di "Francesco Guccini"

+immagini
(sistemo e amplio ultimo album)
(+immagini)
[[Immagine:Guccini1970.jpg|thumb|upright=1.2|Francesco Guccini]]
{{indicedx}}
'''Francesco Guccini''' (1940 – vivente), cantautore e scrittore italiano.
 
==Citazioni tratte da canzoni==
{{autori testi}}
===''Folk beat n. 1''===
'''Etichetta''': La voce del padrone, 1967, prodotto da Odoardo Veroli.
===''Due anni dopo''===
'''Etichetta''': EMI, 1970.
[[File:Paolo Conte al Club Tenco.jpg|thumb|upright=1.4|Francesco Guccini e [[Paolo Conte]] negli anni Settanta al Club Tenco]]
 
*''Ed ogni giorno ormai sentirsi raccontare la storia conosciuta, | la frase risaputa, la propria morta vita.'' (da ''Lui e lei'', lato A, n. 1)
*''Di antichi fasti la piazza vestita | grigia guardava la nuova sua vita, | come ogni giorno la notte arrivava, | frasi consuete sui muri di Praga, | ma poi la piazza fermò la sua vita | e breve ebbe un grido la folla smarrita | quando la fiamma violenta ed atroce | spezzò gridando ogni suono di voce.'' (da ''[[Primavera di Praga]]'', lato A, n. 2)
===''Radici''===
'''Etichetta''': EMI, 1972, prodotto da Pier Farri.
[[File:Francesco Guccini 72.jpg|thumb|upright=1.4|Francesco Guccini nel 1972]]
 
*''La [[casa]] sul confine dei ricordi, | la stessa sempre, come tu la sai | e tu ricerchi là le tue radici | se vuoi capire l'anima che hai.'' (da ''Radici'', n. 1)
*''La casa è come un punto di memoria, | le tue radici danno la saggezza | e proprio questa è forse la risposta | e provi un grande senso di dolcezza.'' (da ''Radici'', n. 1)
===''Stanze di vita quotidiana''===
'''Etichetta''': EMI Italiana, 1974, prodotto da Pier Farri.
[[File:Guccini-proletari.JPG|thumb|Francesco Guccini con i proletari]]
 
*''Sono ancora aperte come un tempo le osterie di fuori porta, | ma la gente che ci andava a bere fuori o dentro è tutta morta, | qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore | e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore.'' (da ''Canzone delle osterie di fuori porta'', n. 1)
*''Ma non ho scuse da portare, non dico più d'esser poeta, | non ho utopie da realizzare: stare a letto il giorno dopo è forse l'unica mia meta...'' (da ''Canzone delle osterie di fuori porta'', n. 1)
===''Via Paolo Fabbri 43''===
'''Etichetta''': EMI Italiana, 1976.
[[File:Bologna-DSCF7190.JPG|thumb|upright=1.2|Via Paolo Fabbri, 43<br>Bologna]]
 
*''Ma che piccola storia ignobile mi tocca raccontare, così solita e banale come tante, | che non merita nemmeno due colonne su un giornale o una musica o parole un po' rimate, | che non merita nemmeno l'attenzione della gente, quante cose più importanti hanno da fare, | se tu te la sei voluta, a loro non importa niente, | te l'avevan detto che finivi male...'' (da ''Piccola storia ignobile'', n. 1)
*''E così ti sei trovata come a un tavolo di marmo desiderando quasi di morire, | presa come un animale macellato stavi urlando, ma quasi l'urlo non sapeva uscire | e così ti sei trovata fra paure e fra rimorsi davvero sola fra le mani altrui, | che pensavi nel sentire nella carne tua quei morsi | di tuo padre, di tua madre e anche di lui.'' (da ''Piccola storia ignobile'', n. 1)
===''Metropolis''===
'''Etichetta''': EMI, 1981.
[[File:Guccini all'Osteria delle Dame - Bologna (1972).jpg|thumb|upright=1.2|Francesco Guccini nel 1972]]
 
*''Che oroscopo puoi trarre questa sera, Mago?'' (da ''Bisanzio'', lato A, n. 1)
*''O forse io, forse io, ho sottovalutato questo nuovo Dio.'' (da ''Bisanzio'', lato A, n. 1)
===''Stagioni''===
'''Etichetta''': EMI, 2000.
[[File:Guccini in concerto (cropped).JPG|thumb|upright=1.2|Francesco Guccini nel 2009]]
 
*''Nell'anno '99 di nostra vita | io, Francesco Guccini, eterno studente | perché la materia di studio sarebbe infinita | e soprattutto perché so di non sapere niente, | io, chierico vagante, bandito di strada, | io, non artista, solo piccolo baccelliere | perché, per colpa d'altri, vada come vada, | a volte mi vergogno di fare il mio mestiere, | io dico addio...'' (da ''Addio (intro)'', n. 1)
*''Ci prese come un pugno, ci gelò di sconforto, | sapere a brutto grugno che Guevara era morto: | in quel giorno d'ottobre, in terra boliviana | era tradito e perso [[Che Guevara|Ernesto "Che" Guevara]]...'' (da ''Stagioni'', n. 2)
===''L'ultima Thule''===
'''Etichetta''': Capitol/EMI, 2012.
[[File:Francesco Guccini - Lucca Comics & Games 2016 01.jpg|thumb|upright=1.2|Francesco Guccini nel 2016]]
 
*''Ehi [[notte]], che ti strusci come un gatto | contro gli angoli più oscuri del paese, | ehi notte, che ti insinui in ogni anfratto, | notte [[Pavana (Sambuca Pistoiese)|pavanese]].'' (da ''Canzone di notte n. 4'', n. 1)
*''Ehi notte che mi ha vinto di sorpresa del tuo viluppo, | il [[fiume]] muglia sempre laggiù in fondo | e nel silenzio bevi la sua voce | racconta questo eterno vagabondo storie del viaggio da sorgente a foce.'' (da ''Canzone di notte n. 4'', n. 1)