Differenze tra le versioni di "Bernardo Valli"

4 483 byte aggiunti ,  2 mesi fa
nessun oggetto della modifica
(Corretto: "sopravvissuto")
*È riaffiorata una società in parte attratta da un autoritarismo nazionalista, con una forte traccia religiosa, in cui c'è un evidente richiamo neo ottomano, e al tempo stesso in parte conquistata dal liberalismo occidentale. Nel quale si è convertito il kemalismo laico, a lungo autoritario. Dai tempi di Ataturk nessun leader turco aveva mai avuto tanto potere. Dopo i decenni di riconosciuto successo economico ed anche di un esercizio della democrazia, sia pur esitante, che l'avvicinava all'Europa, la Turchia di [[Recep Tayyip Erdoğan|Erdogan]] è stata investita dall'eruzione mediorioentale.<ref name="sultano">Da [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2017/04/18/il-sultano-azzoppato39.html?ref=search ''Il sultano azzoppato''], ''la Repubblica'', 18 aprile 2017.</ref>
*La [[Turchia]] è un grande Paese in balia degli avvenimenti bellici, in corso nei paesi vicini, in cui è coinvolta; degli attentati terroristici con origini varie; delle nuove alleanze con la Russia e l'Iran. Il legame con la Nato, di cui è uno dei principali membri per le dimensioni del suo esercito convenzionale, sopravvive ma sembra meno chiaro. Come sono meno chiari i rapporti con l'Europa.<ref name="sultano"/>
*{{NDR|Sulla [[pandemia di COVID-19 del 2019-2020]]}} Oggi si sa il luogo di partenza del coronavirus, si ritiene venga da Wuhan, nell'Hubei, la provincia cinese più colpita. Nel '600 il contagio fu portato in Lombardia dai lanzichenecchi, dalle truppe tedesche mercenarie di Albrecht von Wallenstein, arrivate in Italia dalla Valtellina e dirette a Mantova, dove era in corso la lotta per la successione tra Francia e Spagna. Un tempo i portatori di virus erano i soldati. Oggi sono civili pacifici, turisti, commercianti, tecnici. Il virus adesso viaggia in aereo o su un piroscafo. Le due situazioni non sono ovviamente paragonabili: sarebbe un’imperdonabile forzatura.<ref>Da ''[https://espresso.repubblica.it/opinioni/dentro-e-fuori/2020/02/27/news/e-poi-comincio-la-caccia-all-untore-1.344924 E poi cominciò la caccia all'untore]'', ''la Repubblica'', 29 febbraio 2020</ref>
 
{{Int|1=Da [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/09/03/le-due-anime-della-cambogia.html?ref=search ''Le due anime della Cambogia'']|2=''la Repubblica'', 3 settembre 1988}}
*In quanto agli europei che hanno sbattuto la porta in faccia per anni alla Turchia ansiosa di entrare nell'Unione, in questa occasione dimostrano tutta la loro debolezza. La loro vergognosa inconsistenza è evidente di fronte alla grave crisi, che rischia di traboccare in un conflitto più ampio.
*L'offensiva turca ha indirettamente favorito in queste ore la fuga di molti prigionieri dai luoghi di detenzione organizzati allora, dopo quello scontro armato. Gli evasi si sono dati alla macchia con la probabile intenzione di rianimare la battaglia perduta.
 
{{Int|1=Da ''[https://espresso.repubblica.it/opinioni/dentro-e-fuori/2019/12/22/news/india-musulmani-ghandi-1.342016 La legge vergogna che smentisce l'insegnamento di Ghandi in India]''|2=''la Repubblica'', 22 dicembre 2019}}
*Per Mohandas Gandhi, il Mahatma (la Grande anima), e Jawaharlal Nehru, il primo capo del governo dell'India indipendente, l'armonia tra musulmani e indù era il principio centrale dello Stato costituzionalmente laico che avevano contribuito a creare. Il loro Paese doveva essere una terra aperta a tutte le religioni. Non fu un'impresa facile. Oggi rischia di non esserlo più.
*L'India di Nehru era definita la più grande democrazia del mondo, anche se non era sempre esemplare. In una società tanto composita e segnata da pesanti difficoltà esistenziali, la realtà si distaccava spesso dai principi. Ma sia per Gandhi, devoto induista (Mahatma, il soprannome con il quale era designato, significa anche "santo"), sia per il primo ministro Nehru, un liberale laico, la visione dominante restava quella di un Paese aperto alle religioni, le quali non dovevano prevalere nella vita politica.
*Il testo, Citizenship Amendment Bill, che aggiorna una legge del 1955, propone di naturalizzare i rifugiati indù, sikh, cristiani, jainisti, buddisti e parsi, arrivati in India prima del 2014 per motivi religiosi. I profughi musulmani sono esclusi. Non figurano nel testo. Non sono citati neppure gli ebrei, che rappresentano una piccola minoranza.
*Il primo ministro Modi ha definito un "avvenimento storico" l'emendamento votato in Parlamento. L'opposizione ha denunciato senza esitare la violazione di un principio essenziale della democrazia indiana, poiché la nuova legge si basa su criteri religiosi. Ed è la prima volta. Da qui le proteste e gli scontri di questi giorni. È come se l’India di Gandhi e Nehru fosse stata archiviata.
 
{{Int|1=Da ''[https://espresso.repubblica.it/opinioni/dentro-e-fuori/2020/02/13/news/ma-boris-johnsonnon-e-un-buffoon-1.344279 Ma Boris Johnson non è un "buffoon"]''|2=''la Repubblica'', 16 febbraio 2020}}
*[[Boris Johnson]], primo ministro britannico, è il disertore dall'Unione Europea. Un disertore legittimato democraticamente dalla maggioranza del popolo del Regno Unito. Il suo nome è legato alla prima mutilazione politica del Vecchio Continente faticosamente impegnato da sette decenni a rendere permeabili le frontiere, se non proprio a eliminarle. Così Boris Johnson resterà nella Storia per avere girato le spalle a un’entità ricca e fragile.
*Il personaggio trae in inganno. Esibisce eccentricità che nascondono virtù. Non è una tattica, è un suo modo di essere che dura da tutta la vita. C'è chi l’ha definito un "buffoon", perché imprevedibile.
*Non assomiglia certo alla rigorosa Angela Merkel, anzi è l'opposto: ma, come la cancelliera, il disertore Boris Johnson è uno dei più accattivanti personaggi sulla ribalta politica europea, dalla quale si è adesso messo ai margini.
*Oltre ad andarsi a sposare in mutande, Boris Johnson è anche il migliore allievo nella facoltà di letteratura classica. E sarà l'autore di un libro sulla Roma antica. Ancora oggi, a 56 anni, sa recitare a memoria interi capitoli dei poemi omerici, durante le conferenze stampa. In questo modo vuole, forse, intimidire e dissuadere i giornalisti dall'interrogarlo sulla sua vita sentimentale.
*In un panorama europeo dominato da uomini grigi, mediocri, che occupano ministeri e parlamenti, i comportamenti bizzarri ritmano la vita privata di Johnson, ma non ne compromettono il forte impegno in quella pubblica.
 
==Note==
15 010

contributi