Differenze tra le versioni di "Giuseppe Parini"

raggruppo le odi in una sezione, +1 da A Silvia
m (minuzie)
(raggruppo le odi in una sezione, +1 da A Silvia)
==Citazioni di Giuseppe Parini==
*''Aborro in su la scena | un canoro elefante, | che si strascina a pena | su le adipose piante, | e manda per gran foce | di bocca un fil di voce''. (da ''La Musica'', 1)
*''Amor con l'età fervida | convien che si dilegue; | ma l'[[Amicizia|amistà]] ne segue | fino a l'estremo dì. || Le belle, ch'or s'involano | schife da noi lontano, | verranci | allor pian piano | lor [[Brindisi dalle poesie|brindisi]] ad offrir. || E noi compagni amabili | che far con esse allora? | Seco un bicchiere ancora | bevere, e poi morir.'' (da ''Il brindisi'', in ''Odi'')
*''Con altri e spessi | segni del tuo valore, o Sfregia, impressi''. (da ''In morte del barbiere'', 25-26)
*''Dall'alma origin solo | han le lodevol'opre. | Mal giova illustre sangue | ad animo che langue. |'' [...] ''| Chi de la gloria è vago | sol di virtù sia pago. |'' [...] ''| È d'uopo, Achille, alzare | nell'alma il primo [[altare]]. | Giustizia entro al tuo seno | sieda e sul labbro il vero, | e le tue mani sieno | qual albero straniero | onde soavi unguenti | stillin sopra le genti.'' (da ''L'educazione'', 1764)
*''E se i duri mortali | a lui voltano il tergo, | ei si fa, contro ai mali, | de la costanza suo scudo ed usbergo''. (da ''La caduta'', str. 14)
*Ho scritto sull'amore, e non ho mai avuto una donna. (da una lettera a Febo d'Adda, 1798)
*''Mal giova [[nobiltà|illustre sangue]] | ad animo che langue''. (da ''La Educazione'', in ''Odi'')
*''Me non nato a percotere | le dure illustri porte, | nudo accorrà, ma libero, | il regno de la morte. | No, ricchezza né onore | con frode o con viltà | il secol venditore | mercar non mi vedrà''. (da ''La vita rustica'', 4)
*''O s'a un marito alcuna | d'anima generosa orma rimane, | ad altra mensa il piè rivolga, e d'altra | dama al fianco s'assida il cui marito | pranzi altrove lontan d'un'altra al fianco | ch'abbia lungi lo sposo, e così nuove | anella intrecci a la catena immensa | onde alternando Amor l'anime avvince.''<ref>Ci si riferisce alla pratica del cicisbeismo, forma di adulterio istituzionalizzato.</ref> (da ''Il mezzogiorno'', 59-66)
*Oh beato terreno del vago Eupili mio, ecco al fin nel tuo seno m'accogli; e del natìo aere mi circondi, e il petto avido inondi [...] Austro scortese qui suoi vapor non mena: e guarda il bel paese alta di monti schiena, cui sormontar non vale Borea con rigid' ale [...] Io de' miei colli ameni nel bel clima innocente passerò i dì sereni tra la beata gente, che di fatiche onusta è vegeta e robusta. (dal secondo libro delle ''Odi'')
*{{NDR|[[Vincenzo Monti]]}} Sempre minaccia di cadere colla repentina sublimità de' suoi voli, e non cade mai.<ref>Citato in [[Francesco Cassi]], ''Notizie intorno alla vita ed alle opere di [[Vincenzo Monti]]'' in ''Tragedie del cavaliere Vincenzo Monti'', Leonardo Giardetti, Firenze, 1825.</ref>
*''Va per negletta via | ognor l'util cercando | la calda fantasia, | che sol felice è quando | l'utile unir può al vanto | di lusinghevol canto''.<ref>Da ''La salubrità dell'aria'', 22, citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 546.</ref>
''Benché l'umana superbia sia discesa fino ne' sepolcri, d'oro e di velluto coperta, unta di preziosi aromi e di balsami, seco recando la distinzione de' luoghi perfino tra' cadaveri, pure un tratto, non so per quale accidente, s'abbatterono nella medesima sepoltura un Nobile ed un Poeta, e tennero questo ragionamento'':
 
'''Nobile''': Fatt'in là mascalzone!<br/>'''Poeta''': Ell'ha il torto, Eccellenza. Teme Ella forse che i suoi vermi non l'abbandonino per venire a me? Oh! le so dir io ch'e' vorrebbon fare il lauto banchetto sulle ossa spolpate d'un Poeta.
'''Nobile''': Fatt'in là mascalzone!<br>
'''Poeta''': Ell'ha il torto, Eccellenza. Teme Ella forse che i suoi vermi non l'abbandonino per venire a me? Oh! le so dir io ch'e' vorrebbon fare il lauto banchetto sulle ossa spolpate d'un Poeta.
 
===Citazioni===
*{{NDR|Su [[Voltaire]]}} [...] ''maestro | di coloro che mostran di sapere''. (602-603<ref>Citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', U. Hoepli, Milano, 1921, p. 409.</ref>)
*''Ma a possente signor scender non lice | dale stanze superne infin che al gelo | o al meriggio non abbia il cocchier stanco | durato un pezzo, onde l'uom servo intenda | per quanto immensa via natura il parta | dal suo signore.'' (1049-1054)
 
===''Le odiOdi''===
===[[Incipit]]===
O Genovese ove ne vai? qual raggio<br/>brilla di speme su le audaci antenne?<br/>Non temi oimè le penne<br/>non anco esperte degli ignoti venti?<br>
 
===Citazioni===
*''Amor con l'età fervida | convien che si dilegue; | ma l'[[Amicizia|amistà]] ne segue | fino a l'estremo dì. || Le belle, ch'or s'involano | schife da noi lontano, | verranci | allor pian piano | lor [[Brindisi dalle poesie|brindisi]] ad offrir. || E noi compagni amabili | che far con esse allora? | Seco un bicchiere ancora | bevere, e poi morir.'' (da ''Il brindisi'', in ''Odi'')
*''Lascia, mia [[Silvia]] ingenua, | Lascia cotanto orrore | All'altre belle, stupide | E di mente e di core.'' (da ''A Silvia'')
*''Mal giova [[nobiltà|illustre sangue]] | ad animo che langue''. (da ''La Educazione'', in ''Odieducazione'')
*Oh beato terreno del vago Eupili mio, ecco al fin nel tuo seno m'accogli; e del natìo aere mi circondi, e il petto avido inondi [...] Austro scortese qui suoi vapor non mena: e guarda il bel paese alta di monti schiena, cui sormontar non vale Borea con rigid' ale [...] Io de' miei colli ameni nel bel clima innocente passerò i dì sereni tra la beata gente, che di fatiche onusta è vegeta e robusta. (dal secondo libro delle ''Odi'')
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''Canzone in morte del barbiere''===
''O Sfregia, o Sfregia mio,<br/>o dolce mio barbieri, o delle guance amor, delizia e cura,<br/>ahimè, che farò io,<br/>poiché ti trasse ai regni oscuri e neri<br/>empia morte immatura?''
 
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
===''Il giorno''===
Sorge il mattino in compagnia dell'alba<br/>dinanzi al sol che di poi grande appare<br/>su l'estremo orizzonte a render lieti<br/>gli animali e le piante e i campi e l'onde.<br/>
 
===''La vita rustica''===
Perché turbarmi l'anima,<br />o d'oro e d'onor brame,<br />se del mio viver Atropo<br />presso è a troncar lo stame?<br />e già per me si piega<br />sul remo il nocchier brun<br />colà donde si niega<br />che più ritorni alcun?
 
===''Le odi''===
O Genovese ove ne vai? qual raggio<br>brilla di speme su le audaci antenne?<br>Non temi oimè le penne<br>non anco esperte degli ignoti venti?<br>
 
==Citazioni su Giuseppe Parini==