Differenze tra le versioni di "Gianfranco Ravasi"

m
fix citazione
m (fix citazione)
*I [[Mass media|mezzi di comunicazione di massa]] ci insegnano tutto sulle mode e i modi di vivere, ma ignorano il significato dell'esistere, l'inquietudine della ricerca interiore, le interrogazioni sull'oltre e sull'"altro" rispetto a noi e al nostro orizzonte.
{{Int|1=Da [https://www.donzelli.it/reviews/1454/ ''Il dubbio e la fede, la scommessa di Ravasi'']|2=Armando Torno, ''Corriere della Sera'', 08 ottobre 2011}}
*L'impegno principale che vorrei realizzare tra [[arte]] e [[fede]] è il ritrovare la loro radicale sororità, secondo la convinzione espressa da [[Paul Klee]]: "L'arte non rappresenta il visibile, ma l'Invisibile che si cela nel visibile". [...] Questa è anche la meta della fede.<ref>La scansione completa dell'articolo originale può essere consultataCitato in formato .pdf nella {{cita web | url = [http://rstampa.pubblica.istruzione.it/rassegna/rassegna.asp?PagStart=1&Ordine=7&Abbonam=0&ricdata=0&IniGior=08&IniMese=10&IniAnno=2011&FinGior=08&FinMese=10&FinAnno=2011&Titolo=&aVetIDsTest=&Articolo=&Rubrica=0&Rubrsec=False&Argomen=0&Ricview=False&Fulltext=&B1=Ricerca/ | titolo = ''Rassegna stampa dell'8 ottobre 2011''}}, delnel sito del Ministero della Pubblica Istruzione. URL archiviato il [http://archive.is/435t5/ 23 settembre 2019].</ref>
*[Riferendosi a [[Eugène Ionesco]] ] Lo presenterei cominciando da una dichiarazione che ha fatto in una intervista. Questa: "Ogni volta che il telefono suona mi precipito nella speranza, ogni volta delusa, che possa essere Dio che mi telefona. O almeno uno dei suoi angeli di segreteria". In lui c'era continuamente la speranza di una epifania del divino. E poco prima della morte, alla fine del suo Diario, nell'ultima riga c'è una frase folgorante. È la risposta a quell'attesa: "Pregare Non So Chi. Spero: [[Gesù Cristo]]"».
*[Riferendosi a [[Emil Cioran]] ] Vorrei presentare la figura di colui che si aggira attorno al cortile dei credenti e ne cerca quasi il centro. Anche se in un altro suo testo giunge al paradosso secondo cui "il nome di Dio è il Nulla, cioè Tutto". Lui per tutta la vita quell'opera di spionaggio l'ha condotta.
798

contributi