Differenze tra le versioni di "Insulti dai libri"

*Ma guardate lí quel mucchio di cenci che pare un fantoccio da ragazzi, piú desolato d'una pasticceria in quaresima, con piú buchi d’un flauto, piú pezzato di una chinea, piú variegato d'un diaspro, piú punteggiato di un libro di musica! ([[Francisco de Quevedo]])
*''O temerario, che tramuti in frode | variopinta ogni argomento onesto.'' ([[Sofocle]])
*Osvaldo: Per chi mi prendi?<br>Kent: Per un grosso furfante, una canaglia, uno sgranocchiatore di rifiuti, un malnato smargiasso, un tre-vestiti, cento libbre di carne mal calzate, fegato di coniglio, quereloso, un figlio di puttana frustaspecchi, leccapiedi, servile narcisista, sordido erede d'un sacco di stracci, pronto a fare il ruffiano come capita, nient'altro che un impasto di marrano, accattone, vigliacco, portaborse, figlio ed erede di cagna bastarda: uno che io sbatacchierò a legnate da farlo stridere come un maiale se ardisce di negarmi uno soltanto di tutti i titoli che gli ho affibbiato. ([[William Shakespeare]])
*{{NDR|Riferendosi a [[Hegel]]}} Sciupatore di carta, di tempo e di cervelli. ([[Arthur Schopenhauer]])
*''Tu che al culo focoso il pelo radi, | tanta barba, o scimmiotto, al mento avendo, | camuffato da eunuco, ti presenti?'' ([[Aristofane]])
*È possibile, Sancio, che ci sia uno in tutto l'orbe terraqueo il quale non affermi che sei stupido e di stupidaggini foderato, con in più non so quali frange di maligno e di birbante?
*Nuovo buffone e vecchio imbecille.
 
===[[William Shakespeare]]===
*''C'è un diavolo che ti sta sempre accanto | nelle sembianze d'un vecchio grassone; | t'è socio di bagordi un uomo-botte. | Che t'è saltato mai di far brigata | con quel baule carico d'umori, | con quel cassone di bestialità, | quel pacco turgido d'ipocrisia, | quell'otre enorme di vino di Spagna, | quel borsone imbottito di budella, | quel manzo arrosto col ventre farcito, | quel reverendo simbolo del vizio, | quella malvagità grigio-canuta, | quel gran ministro di ruffianeria, | quella prosopopea carica d'anni?''
*'' Il tuo spirito bestiale | Governò un lupo, che fu impiccato | Per strage di uomini: ma la sua anima turpe | Fuggì dalla forca e mentre tu giacevi | Nel tuo grembo sconsacrato si infuse in te: | i tuoi appetiti, infatti, sono lupeschi, | Sanguinari, famelici, feroci.''
*Osvaldo: Per chi mi prendi?<br>Kent: Per un grosso furfante, una canaglia, uno sgranocchiatore di rifiuti, un malnato smargiasso, un tre-vestiti, cento libbre di carne mal calzate, fegato di coniglio, quereloso, un figlio di puttana frustaspecchi, leccapiedi, servile narcisista, sordido erede d'un sacco di stracci, pronto a fare il ruffiano come capita, nient'altro che un impasto di marrano, accattone, vigliacco, portaborse, figlio ed erede di cagna bastarda: uno che io sbatacchierò a legnate da farlo stridere come un maiale se ardisce di negarmi uno soltanto di tutti i titoli che gli ho affibbiato. ([[William Shakespeare]])
 
==Voci correlate==