Differenze tra le versioni di "Ciro Trabalza"

659 byte aggiunti ,  10 mesi fa
→‎Citazioni di Ciro Trabalza: Dante nel giudizio di Boccaccio
(→‎Citazioni di Ciro Trabalza: Decameron: link alla voce principale)
(→‎Citazioni di Ciro Trabalza: Dante nel giudizio di Boccaccio)
 
*Composto, come dovevasi da chi identificava la mitologia con la poesia e questa con la teologia, e il volgare, pur accettato per necessità pratiche, se non proprio disprezzato, sottoponeva al latino, composto, dico, senza intendimenti né eruditi né letterari, il ''[[Giovanni Boccaccio|Decameron]]'' non parve mai un'opera d'arte all'autor suo, che, difesolo dapprima contro gli attacchi violenti tutt'altro che di critica onde, tra le molte approvazioni, era stato colpito, finì, non veramente col bruciarlo nella meditata distruzione di tutte le sue composizioni italiane, ma certo col lasciarlo abbandonato d'ogni cura paterna e persino con lo sconsigliarne la lettura alle caste famiglie.<ref>Da ''Studi sul Boccaccio. {{small|Preceduti da saggi di storia della critica e stilistica}}'', ''ibid''., Parte seconda, Contributi alla storia della critica, pp. 59-60.</ref>
 
*Il Boccaccio {{NDR|nella sua ''La vita di Dante''}} vede in [[Dante Alighieri|Dante]] un uomo straordinario per la grandezza dell'ingegno e per la smisurata dottrina acquisita con lunghi, pazienti, profondi studi, per l'altissimo valore poetico; un eroe degno d'una statua monumentale per la glorificazione che fece di Firenze, della sua ingrata patria; un eroe che sarebbe in terra divenuto un Iddio, se quant'ebbe impedimenti avesse avuto favori, se quant'ebbe impedimenti avesse avuto agevolezze.<ref>Da ''Studi sul Boccaccio. {{small|Preceduti da saggi di storia della critica e stilistica}}'', ''ibid''., Parte terza, Studi boccacceschi, p. 164.</ref>
 
==Note==
23 691

contributi