Differenze tra le versioni di "Guido Morselli"

→‎Diario: aggiungo e ordino
(+ incipit di "Dissipatio H.G." e cose minori)
(→‎Diario: aggiungo e ordino)
 
==''Diario''==
*Uno dei tanti mali con cui è punito l'[[egoista]], sta in questo: che intorno a sé egli non vede se non egoismo. Come a lui stesso, agli altri generosità, disinteresse debbono essere sconosciuti. (9 febbraio 1940)
*In tutte le cose, e non solo nel mio lavoro, io mi sono visto opporre pareti scoscese, invalicabili, contro le quali è stato inutile farsi insanguinare e piedi e mani e ginocchia.
*[[Innamoramento|Innamorarsi]] di una donna non è difficile. Difficile è amarla.
*Nessun partito politico è di [[sinistra]], dopo che ha assunto il potere.
*Chi può negare che ci sia qualche cosa di divino nelle cose quando esse si fan vive per noi e ci parlano la stessa lingua arcana del nostro sentimento? (24 novembre 1943)
*Chi sa «ascoltarsi» vive più vite. Per chi attinge alla propria sensibilità profonda, il passato non è mai morto; non solo, ma la sua vita presente si dilata immensamente di là dai suoi limiti apparenti, ad abbracciare innumerevoli esperienze. (26 novembre 1943)
*[...] trovo che per chi ha intelletto per pensare da sé, lo studio del pensiero altrui non può servire che a fornirgli la conferma di ciò a cui è giunto in precedenza da solo. Infatti, quando c'imbattiamo in idee nuove, delle due l'una: o sono nuove per noi solo apparentemente, in quanto corrispondono a un nostro ordine mentale nel quale erano già, almeno in potenza; o ci sono veramente nuove, ossia estranee, e allora restano più o meno lettera morta. (14 dicembre 1943)
*[[Dio]] è come il mare: sorregge chi gli si abbandona. (14 dicembre 1943)
*Ciò che accomuna gli uomini non sono le idee ma le [[abitudini]]. (29 dicembre 1943)
*[[Innamoramento|Innamorarsi]] di una donna non è difficile. Difficile è amarla. (29 dicembre 1943)
*Una [[donna]] può esserci necessaria, e non esserci sufficiente. (2 gennaio 1944)
*Vi è in noi una specie di timore della felicità. Si potrebbe dire che la [[consuetudine]] alla noia e al dolore determina da parte nostra una inerzia una resistenza alla gioia. (5 gennaio 1944)
*Tutta la nostra esperienza interiore è il gioco di due fattori: la memoria (il [[passato e presente|passato]]), l'angoscia (il [[passato e presente|presente]]). (2 febbraio 1944)
*Esser fedeli a una donna, significa esser fedeli a se stessi. (13 maggio 1944)
*Il castigo, in quanto sia sofferenza, è sempre ingiusto perché sempre sproporzionato alla colpa. Infatti il piacere che sentiamo commettendo il male, non incide mai profondamente come il dolore. Carattere di quello è la labilità, di questo, la stabilità. Il piacere non impegna quasi mai l'animo, il dolore, anche fisico, sì. Il piacere sfiora, il dolore si radica. (12 agosto 1944)
*Preferisco non avere un Dio, che averne uno malvagio. (24 agosto 1944)
*Per ben vivere (o soltanto per vivere) occorre che l'uomo spregi il passato, che ami il presente e confidi nell'avvenire. È un'infelice e innaturale condizione, quella di chi ama il passato dispregia il presente
e teme l'avvenire [...]. (24 settembre 1944)
*[[suicidio|Suicida]] per amore della vita. (13 gennaio 1945)
*I nostri rapporti con una donna possono a un certo punto divenire una consuetudine. Forse questo è il punto «cruciale» di ogni amore. Poiché la consuetudine approfondisce l'amore, o lo riduce a un involucro di gesti senz'anima. (30 giugno 1946)
*«Soffro, dunque sono». (24 novembre 1950)
*Come la poesia, così la filosofia deve crescere in margine alla vita, e cioè essere riflessione sulla vita, la saggezza che affiora sull'esperienza. Questo è il significato dell'adagio «primum vivere» (che gli uomini pratici hanno svisato come se significasse che il riflettere è una faccenda di seconda – o di nessuna – importanza). (3 maggio 1963)
*Dagli [[dèi]], dobbiamo imparare per lo meno una virtù: la discrezione. Essi si comportano in ogni caso come se non esistessero. (9 settembre 1963)
*In tutte le cose, e non solo nel mio lavoro, io mi sono visto opporre pareti scoscese, invalicabili, contro le quali è stato inutile farsi insanguinare e piedi e mani e ginocchia. (1 gennaio 1960)
*Nessun partito politico è di [[sinistra]], dopo che ha assunto il potere. (3 giugno 1966)
*A coloro che vanno cercando una definizione della vita (biologi, per es.), vorrei proporre la seguente: «la materia quando incomincia a soffrire». (5 novembre 1966)
*Fede (religiosa) significa: prestare a Dio, supplire a Dio, perdonare a Dio. (21 febbraio 1970)