Differenze tra le versioni di "L'ora più buia"

m
minuzie
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica da mobile avanzata
m (minuzie)
*Si rivolga al [[Popolo]]. Lasci che sia lui a guidarla. In perfetto silenzio, di solito riesce a farlo. Ma deve dirgli la verità, nuda e cruda. ('''Re Giorgio VI''')
*Le cause perse sono le uniche per cui vale la pena di battersi. ('''Winston Churchill''')
*Tornando ancora una volta sulla questione dell'invasione, vorrei osservare che non c'è stato un periodo in tutti lunghi secoli di cui andiamo orgogliosi, nel quale un'assoluta garanzia contro un'invasione sia mai stata fornita al nostro popolo. Ma per quanto mi riguarda, confido pienamente che se tutti faranno il loro dovere, se nulla verrà trascurato, che se tutti i preparativi verranno fatti al meglio, come già avviene, sapremo dimostrarci ancora una volta capaci di difendere la nostra isola natale. Di superare la tempesta della guerra e di sopravvivere alla minaccia della tirannia. Se fosse necessario, per anni. Se fosse necessario, da solo. In ogni caso, questo è ciò che proveremo a fare. Questa è la decisione del governo di Sua Maestà, in ogni suo componente. Questa è la volontà del Parlamento e della Nazione. L'impero britannico e la Repubblica francese, strettamente uniti nella causa e nel bisogno, difenderanno fino alla morte il suolo della loro patria, aiutandosi a vicenda come bravi commilitoni sempre al massimo delle loro forze. Sebbene vaste aree dell'Europa e molti antichi illustri Stati siano caduti o potrebbero cadere nella ferrea morsa della Gestapo e di tutti gli altri apparati odiosi del dominio nazista, noi non vacilleremo cadremo. Noi andremo avanti fino alla fine! Combatteremo in Francia, combatteremo per i mari e sugli oceani, combatteremo con crescente fiducia e crescente forze dei cieli, noi difenderemo la nostra isola quale che sia il prezzo da pagare. Combatteremo sulle spiagge, combatteremo sulle piste di atterraggio, combatteremo nei campi e nelle strade, combatteremo sulle colline. Noi non ci arrenderemo mai! E se... e se, cosa che io non credo nel modo più assoluto, quest'isola o una larga parte di essa fosse soggiogata e ridotta alla fame, allora il nostro impero aldilà del mare, armato e protetto dalla flotta britannica, continuerebbe a lottare, fino a che, quando Dio vorrà, il Nuovo Mondo, con tutta la sua forza e la sua potenza, farà un passo avanti per soccorrere e per liberare il vecchio! ('''Winston Churchill''')
*Quelli che non cambiano [[idea]] mai, non cambiano mai niente. ('''Winston Churchill''')
 
*'''Clementine Churchill''': Sii te stesso.<br>'''Winston Churchill''': Me stesso? E quale me stesso dovrei essere oggi?
*'''Re Giorgio VI''': Winston è scarso di giudizio.<br>'''Neville Chamberlain''': Ma aveva ragione su Hitler.<br>'''Re Giorgio VI''': Anche un [[orologio]] rotto, due volte al giorno segna l'ora esatta.
*'''Winston Churchill''': Io immagino che dovremmo incontrarci regolarmente.<br>'''Re Giorgio VI''': Una volta alla settimana, temo. Come... Che ne direbbe di lunedì?<br>'''Winston Churchill''': UmUhm, farò in modo di essere disponibile il lunedì.<br>'''Re Giorgio VI''': Alle quattro?<br>'''Winston Churchill''': Io dormo il pomeriggio<br>'''Re Giorgio VI''': E può permetterselo?<br>'''Winston Churchill''': No. Ma è necessario. Lavoro di notte.
*'''Giornalisti''': Qual è il suo programma?<br>'''Winston Churchill''': Il mio programma? Un bicchiere di Pol Roger. A presto. C'è tempo per le foto.
*'''Anthony Eden''': Si dice che prima di chiedere a te, sia stato offerto a Lord Halifax.<br>'''Winston Churchill''': Oh, ne dubito. Halifax non avrebbe mai rifiutato. E' il quarto figlio di un Conte. I quarti figli non rifiutano nulla.
*'''Re Giorgio VI''': Nessuno sa mai cosa sta uscire fuori dalla tua bocca. Qualcosa che lusinga, qualcosa che ferisce.<br>'''Winston Churchill''': Le mie emozioni vanno a briglie sciolte. Una sregolatezza nel sangue che condivido con mio padre. E con mia madre. Ci è mancato il dono della sobrietà.
 
== [[Explicit]] ==
{{explicit film}}
Quasi tutti i 300.00 soldati di Dunkerque furono riportati a casa dalla flotta civile di Winston. Neville Chamberlain morì sei mesi dopo. Il visconte Halifax fu presto rimosso da Winston dal gabinetto di guerra e inviato a Washington. L'8 maggio di cinque anni dopo, la Gran Bretagna e i suoi alleati dichiararono la vittoria. In quello stesso anno, Winston non venne riconfermato alle elezioni politiche. Il successo non è definitivo, il fallimento non è fatale. È il coraggio di andare avanti che conta. ('''Testo in sovrimpressione''')