Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

m
sistemo
m (sistemo)
**''Odio e amo. Perché questo io faccia forse domandi. | Non so; lo sento e mi torturo l'anima.''<ref group="fonte">Traduzione di Guido Vitali.</ref>
 
*''Quintia formosa est multis, mihi candida, longa, | recta est. Haec ego sic singula confiteor, | totum illud "formosa" nego: nam nulla uenustas.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/86|LXXXVI]], vv. 1-3)
*''Per molti, Quinzia è «bella». Per me, è «splendida». Alta. | Diritta. Accordo sui particolari. | Sulla sintesi «bella», no. Il fascino manca''. (LXXXVI, 1-3)<ref name=diz/>
**''Quinzia a molti par bella. Anche a me sembra, | che bianche e dritte e grandi abbia le membra; | ma bella no: donna cotanta e tale.'' ([[s:Le poesie di Catullo/86|LXXXVI]], vv. 1-3)
**''Per molti, Quinzia è «bella». Per me, è «splendida». Alta. | Diritta. Accordo sui particolari. | Sulla sintesi «bella», no. Il fascino manca''. (LXXXVI, 1-3)<ref group="fonte" name=diz/>
 
*''Nulla in tam magno est corpore mica salis.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/86|LXXXVI]], v. 4)
**''Non ha, se il cerchi, un granellin di sale.'' ([[s:Le poesie di Catullo/86|LXXXVI]], v. 4)
**''Non c'è un briciolo di spirito in quel corpo di statua.''<ref group="fonte" name=diz>Citato in ''Dizionario delle citazioni'', a cura di Italo Sordi, BUR, 1992. ISBN 14603-X</ref>
 
*''Nil nimium studeo, Caesar, tibi velle placere, | nec scire utrum sis albus an ater homo.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/93|XCIII]])