Differenze tra le versioni di "Ultime parole dalle serie televisive"

+1 da ''L'attacco dei Giganti'', che ora ha tre citazioni e quindi le raggruppo in ordine cronologico in una sezione dedicata
(+1 da ''L'attacco dei Giganti'', che ora ha tre citazioni e quindi le raggruppo in ordine cronologico in una sezione dedicata)
*Mi dispiace, non andrai mai a Hollywood, Elsa. ('''Ethel Darling''')
::{{spiegazione|Personaggio di ''[[American Horror Story]]'': ''Freak Show''. Prima che Ethel riesca a ucciderla, Elsa le lancia un coltello nell'occhio. Successivamente, con l'aiuto di Stanley e Maggie, inscena il suicidio di Ethel per nascondere le prove dell'omicidio: mettono il corpo nell'auto e la fanno schiantare contro un albero lasciando un masso sull'acceleratore. Assicurano la decapitazione legando una delle estremità della catena attorno al collo di Ethel e l'altra attorno a un tronco.}}
 
*Mi dispiace... Non potevo farti io da padre, Rivaille. ('''Kenny''')
::{{spiegazione|Personaggio della serie ''[[L'attacco dei giganti]]''. Viene introdotto nella [[L'attacco dei giganti (terza stagione)|terza stagione]] dell'anime come "Kenny lo squartatore" per i suoi passati di criminale prima di entrare a far parte della guaria reale. Kenny è lo zio di Levi, che si è preso cura di lui alla morte della madre (sorella minore di Kenny) per poi abbandonarlo quando si è reso conto che il ragazzo poteva difendersi autonomamente. Kenny, in punto di morte, pronuncia queste parole quando Levi chiede perché lo avesse abbandonato.}}
 
*Non è possibile, questo non è giusto. Non posso crederci, è davvero troppo. Chi si è permesso di finire tutta la bottiglia?! ('''Gelgar''')
::{{spiegazione|Personaggio minore della serie ''[[L'attacco dei giganti]]''. Nella [[L'attacco dei giganti (seconda stagione)|seconda stagione]] dell'anime trova una bottiglia di liquore ma non riesce a berne perché deve combattere contro i giganti. Ferito gravemente ritrova la bottiglia, che però è vuota perché il liquore è stato usato da Christa per disinfettare una ferita di Reiner. Gelgar pronuncia queste parole mentre viene afferrato da un gigante, subito prima di battere violentemente la testa contro una parete.}}
 
*Non è questo l'ultimo sentimento che voglio provare. ('''Amber Volakis''')
*Non essere triste... Ti prometto che tornerò, caro Whispy, e quando accadrà non sarò più un mostro! ('''Lovely''')
::{{spiegazione|Dopo essere stata trasformata in un mostro e uccisa da Kirby, che le taglia lo stelo, Lovely rivolge queste parole a Whispy Woods in punto di morte. Poco dopo risorge sotto forma di campo fiorito.}}
 
===''[[L'attacco dei giganti]]''===
{{cronologico}}
 
*Non è possibile, questo non è giusto. Non posso crederci, è davvero troppo. Chi si è permesso di finire tutta la bottiglia?! ('''Gelgar''')
::{{spiegazione|Personaggio minore della serieEpisodio ''[[L'attacco dei giganti (seconda stagione)#Episodio 4 (29), Soldato|Soldato ]]''. Nelladella [[L'attacco dei giganti (seconda stagione)|seconda stagione]] dell'anime]]. Gelgar trova una bottiglia di liquore, ma non riesce a berne perché deve combattere contro i giganti. Ferito gravemente ritrova la bottiglia, che però adesso è vuota perché il liquore è stato usato da Christa per disinfettare una ferita di Reiner. Gelgar pronuncia queste parole mentre viene afferrato da un gigante, subito prima di battere violentemente la testa contro una parete.}}
 
*Mi dispiace... Non potevo farti io da padre, Rivaille. ('''Kenny''')
::{{spiegazione|Personaggio della serieEpisodio ''[[L'attacco dei giganti (terza stagione)#Episodio 10 (47), Amici|Amici]]''. Viene introdotto nelladella [[L'attacco dei giganti (terza stagione)|terza stagione]] dell'anime]]. Kenny Ackermann, comedefinito "Kenny lo squartatore" per i suoi passati di criminale prima di entrare a far parte della guariaguardia reale. Kenny, è lo zio di Levi, che; si è preso cura di lui alla morte della madre (sorella minore di Kenny) per poi abbandonarlo quando si è reso conto che il ragazzo poteva difendersi autonomamente. Kenny, in punto di morte, pronuncia queste parole quando Levi chiede perché lo avesse abbandonato.}}
 
*Arriva... È questa la morte? Chissà che cosa starà facendo Hitch... lo so, probabilmente starà dormendo. Ah, che invidia: non capisco, perché proprio ora... ('''Marlo''')
::{{spiegazione|Episodio ''[[L'attacco dei giganti (terza stagione)#Episodio 17 (54), Il coraggioso|Il coraggioso]]'' della [[L'attacco dei giganti (terza stagione)|terza stagione dell'anime]]. Marlo Freudenberg è passato dal Corpo di Gendarmeria al Corpo di Ricerca; in un disperato attacco diversivo sta cavalcando verso il gigante bestia. Quando si accorge che sta per essere colpito da una delle pietre scagliate dal gigante rivolge queste parole, ripensando alla sua compagna nel corpo di Gendarmeria Hitch Dreyse.}}
 
===''[[Nadia - Il mistero della pietra azzurra]]''===