Differenze tra le versioni di "Orgoglio e pregiudizio (film 2005)"

*'''Mrs. Bennet''': Mary, ti prego. <br /> '''Mr. Bennet''': Vi ringrazio, signor Hill. <br /> '''Mr. Collins''': Signora Bennet, se non vi dispiace speravo di poter sollecitare un colloquio privato con la signorina Elisabeth nel corso della mattinata. <br /> '''Mrs. Bennet''': Oh, sì, certo! Lizzie ne sarà felice di sicuro. Andiamo! Fuori! Il signor Collins gradirebbe avere un colloquio privato con vostra... <br /> '''Lizzie''': No no aspettate, ve ne prego, il signor Collins non può avere nulla da dirmi che non possano sentire tutti! <br /> '''Mrs. Bennet''': Niente sciocchezze, Lizzie. Desidero che tu rimanga dove sei! Tutti gli altri in salotto, andiamo! Signor Bennet? <br /> '''Mr. Bennet''': Ma, eh... <br /> '''Mrs. Bennet''': Coraggio! <br /> '''Lizzie''': Ti prego, Jane! Jane... Jane... Jane... <br /> '''Jane''': Mi dispiace. <br /> '''Mrs. Bennet''': Jane! <br /> '''Lizzie''' {{NDR|sussurrando}}: Papà, resta... {{NDR|sono usciti tutti dalla stanza}}<br /> '''Mr. Collins''' {{NDR|dopo aver messo un fiore nel suo piatto}}: Cara signorina Elisabeth, le mie attenzioni sono state troppo marcate per essere fraintese. Non appena sono entrato in questa casa, ho scelto voi come futura compagna della mia vita. Ma prima che mi faccia rapire dai sentimenti, sarà meglio dichiararvi le ragioni che mi spingono al matrimonio: prima di tutto è dovere di un pastore di anime dare il buon esempio di matrimonio alla sua parrocchia; secondo, sono convinto che questo aumenterà di gran lunga la mia felicità e terzo, è desiderio della mia stimata patronessa Lady Catherine De Bourgh che io prenda moglie. Il mio obiettivo nel venire a Longbourn era di sceglierne una tra le figlie del signor Bennet, giacché sarò proprio io l'erede di questa tenuta e... una simile unione di sicuro... accontenterà tutti. E ora, altro non mi rimane che assicurarvi con i miei più animati accenti la veemenza del mio affetto. <br /> '''Lizzie''': Signor Collins! <br /> '''Mr. Collins''': E nessun rimprovero sulla vostra dote sfiorerà le mie labbra dopo il matrimonio. <br /> '''Lizzie''': Siete affrettato signore, dimenticate che non vi ho risposto. <br /> '''Mr. Collins''': Devo aggiungere che Lady Catherine approverà interamente quando le parlerò della vostra modestia, parsimonia e delle altre... vostre amabili virtù. <br /> '''Lizzie''': Signore, mi commuove la vostra prosposta, ma con rammarico devo declinarla. <br /> '''Mr. Collins''': So che le signorine non lasciano trapelare gli impeti. <br /> '''Lizzie''': Signor Collins non sono mai stata più seria! Voi non potreste mai rendermi felice come io non potrei mai rendere felice voi! <br /> '''Mr. Collins''': Mi lusinga, cugina, che il vostro rifiuto sia una mera delicatezza naturale. Dovreste tenere conto che a dispetto delle seduzioni, è oltremodo certo che non vi verrà mai fatta un'altra proposta di matrimonio. <br /> '''Lizzie''': Signor Collins! <br /> '''Mr. Collins''': Così devo concludere che voi cerchiate di accrescere con l'attesa il mio amore... <br /> '''Lizzie''': Signore! <br /> '''Mr. Collins''': ...secondo i consueti costumi delle signorine eleganti. <br /> '''Lizzie''': Signore! Non sono il tipo di donna che tormenta un uomo rispettabile. Vi prego di comprendermi, non posso accettare!<br>{{NDR|Lizzie se ne va via, le sorelle ridacchiano e la madre è adirata}}<br /> '''Mrs. Bennet''': Cocciuta folle ragazzina! Non vi preoccupate signor Collins, porremo rimedio a questo piccolo inconveniente subito! Lizzie! Lizzie!
 
*'''Mrs. Bennet''': Ah signor Bennet! Ah signor Bennet! Siamo nello scompiglio! Dovete convincere Lizzie a sposare il signor Collins! <br /> '''Mr. Bennet''': Mm? <br /> '''Mrs. Bennet''': Il signor Collins ha fatto la proposta di matrimonio a Lizzie, e lei dichiara di non volerlo. E il pericolo ora è che sia il signor Collins a non volere più Lizzie! <br /> '''Mr. Bennet''': E io cosa dovrei fare? <br /> '''Mrs. Bennet''': Venite a parlarle! Subito!<br>[...]<br>'''Mrs. Bennet''': Ditele che voi insistete affinché si sposino. '''Lizzie''': Papà, vi prego. <br /> '''Mrs. Bennet''': Avrai questa casa. <br /> '''Lizzie''': Non posso sposarlo. <br /> '''Mrs. Bennet''': E salverai le tue sorelle dalla miseria. <br /> '''Lizzie''': Non posso. <br /> '''Mrs. Bennet''': Adesso tornerai indietro e gli dirai che hai cambiato idea. <br /> '''Lizzie''': No! <br /> '''Mrs. Bennet''': Pensa alla tua famiglia! <br /> '''Lizzie''': Non potete costringermi! <br /> '''Mrs. Bennet''': Signor Bennet, ditele qualcosa! <br /> '''Mr. Bennet''': E così... tua madre insiste nel volerti moglie del signor Collins. <br /> '''Mrs. Bennet''': Sì! O non vorrò più vederla! <br /> '''Mr. Bennet''': Bene Lizzie, da oggi in poi sarai estranea a uno dei tuoi genitori. <br /> '''Mrs. Bennet''': Chi ti manterrà quando tuo padre sarà morto? <br /> '''Mr. Bennet''': Tua madre non vorrà più vederti se non sposi il signor Collins... e io non vorrò più vederti se lo sposi. <br /> '''Mrs. Bennet''': Signor Bennet... <br /> '''Lizzie''': Grazie papà. <br /> '''Mrs. Bennet''': Figlia ingrata! Non ti rivolgerò mai più la parola! D'altronde chi soffre come me di nervi non può trarre diletto nel parlare con chicchessia!
 
'''Lizzie''': Papà, vi prego. <br /> '''Mrs. Bennet''': Avrai questa casa. <br /> '''Lizzie''': Non posso sposarlo. <br /> '''Mrs. Bennet''': E salverai le tue sorelle dalla miseria. <br /> '''Lizzie''': Non posso. <br /> '''Mrs. Bennet''': Adesso tornerai indietro e gli dirai che hai cambiato idea. <br /> '''Lizzie''': No! <br /> '''Mrs. Bennet''': Pensa alla tua famiglia! <br /> '''Lizzie''': Non potete costringermi! <br /> '''Mrs. Bennet''': Signor Bennet, ditele qualcosa! <br /> '''Mr. Bennet''': E così... tua madre insiste nel volerti moglie del signor Collins. <br /> '''Mrs. Bennet''': Sì! O non vorrò più vederla! <br /> '''Mr. Bennet''': Bene Lizzie, da oggi in poi sarai estranea a uno dei tuoi genitori. <br /> '''Mrs. Bennet''': Chi ti manterrà quando tuo padre sarà morto? <br /> '''Mr. Bennet''': Tua madre non vorrà più vederti se non sposi il signor Collins... e io non vorrò più vederti se lo sposi. <br /> '''Mrs. Bennet''': Signor Bennet... <br /> '''Lizzie''': Grazie papà. <br /> '''Mrs. Bennet''': Figlia ingrata! Non ti rivolgerò mai più la parola! D'altronde chi soffre come me di nervi non può trarre diletto nel parlare con chicchessia![[File:Bust of Matthew Macfadyen as Fitzwilliam Darcy.jpg|thumb|Busto di Mr. Darcy usato durante le riprese.]]
[[File:Bust of Matthew Macfadyen as Fitzwilliam Darcy.jpg|thumb|Busto di Mr. Darcy usato durante le riprese.]]
 
* <sub>''[Lizzie è sull'altalena. E arriva Charlotte''.]</sub> '''Lizzie''': Charlotte! '''Charlotte''': mia cara Elizabeth, sono venuta a darti una notizia: il signor Collins e io ci siamo fidanzati. '''Lizzie''': fidanzati?! '''Charlotte''': si '''Lizzie''': per sposarvi? '''Charlotte''': si chiaro Lizzie, a cos'altro può portare un fidanzamento? O per l'amor del cielo Lizzie non guardarmi in quel modo. Non vedo perché non dovrei essere felice con lui come con chiunque altro. '''Lizzie''': è un uomo grottesco! '''Charlotte''': taci! Non ci possiamo tutti permettere di essere romantici. Mi è stata offerta una comoda dimora e protezione. Mi ha molto di essere grata. '''Lizzie''': Charlotte! '''Charlotte''': Ormai ho 27 anni. Non ho patrimonio ne prospettive. Per i miei genitori sono già un peso ... E questo mi spaventa. Quindi non giudicarmi Lizzie. Non osare giudicarmi! " ''<sub>[Charlotte se ne va.]</sub>''
 
<br />
 
*'''Mr. Darcy''' {{NDR|facendole la [[Proposte di matrimonio dai film|proposta di matrimonio]]}}: Signorina Elizabeth, ho lottato invano, ma non c'è rimedio... Questi mesi trascorsi sono stati un tormento, sono venuto a Rosings con lo scopo di vedervi, dovevo vedervi, ho lottato contro la mia volontà, le aspettative della mia famiglia, l'inferiorità delle vostre origini, il mio rango e patrimonio, tutte cose che voglio dimenticare e chiedervi di mettere fine alla mia agonia...<br />'''Lizzie''': Non capisco. <br />'''Mr. Darcy''': Vi amo con grande ardore... Vi prego, concedetemi la vostra mano.<br />'''Lizzie''': Signore, io... io apprezzo i conflitti che avete fronteggiato e mi duole molto avervi causato pena; credetemi, è stato fatto in modo incolpevole.<br />'''Mr. Darcy''': Questa è la vostra risposta?<br />'''Lizzie''': Sì, signore.<br />'''Mr. Darcy''': Vi state prendendo gioco di me?<br />'''Lizzie''': No.<br />'''Mr. Darcy''': Mi state respingendo?<br />'''Lizzie''': Di certo i sentimenti che hanno offuscato la vostra lucidità vi aiuteranno a dimenticare.<br />'''Mr. Darcy''': Potrei chiedervi perché vengo respinto con un così poco riguardo alla cortesia?<br />'''Lizzie''': In egual maniera potrei chiedervi perché, con una così evidente intenzione di insultarmi, avete dichiarato di amarmi contro la vostra volontà...<br />'''Mr. Darcy''': Credetemi, non avevo...<br />'''Lizzie''': Se fossi stata scortese questo mi scuserebbe, ma ho altre ragioni e lo sapete!<br />'''Mr. Darcy''': Di cosa parlate?<br />'''Lizzie''': Pensate che possa essere allettata ad accettare l'uomo che ha rovinato forse per sempre la felicità della mia amatissima sorella? Lo negate signor Darcy, di aver separato due giovani che si amavano esponendo il vostro amico ad essere considerato dal mondo un capriccioso e mia sorella alla derisione per le speranze disattese, precipitando entrambi nella più crudele infelicità?!<br />'''Mr. Darcy''': No, non lo nego.<br />'''Lizzie''': Perché l'avete fatto?<br />'''Mr. Darcy''': Perché credo che lui sia indifferente a vostra sorella.<br />'''Lizzie''': Indifferente?<br />'''Mr. Darcy''': Li ho osservati e ho capito che l'attaccamento di lui era più profondo.<br />'''Lizzie''': È timida!<br />'''Mr. Darcy''': Anche Bingley è modesto ed era persuaso che lei non nutrisse che labili sentimenti.<br />'''Lizzie''': Voi glielo avete suggerito.<br />'''Mr. Darcy''': L'ho fatto per il bene di Bingley!<br />'''Lizzie''': Mia sorella dimostra a malapena il suo affetto per me! Immagino che abbiate sospettato che fosse interessata alla ricchezza del vostro amico.<br />'''Darcy''': Non farei un tale disonore a vostra sorella, sebbene ci fosse un'idea.<br />'''Lizzie''': Quale?<br />'''Mr. Darcy''': Era perfettamente chiaro che cercasse un matrimonio vantaggioso.<br />'''Lizzie''': Jane ne ha forse dato quell'impressione?<br />'''Mr. Darcy''': No, comunque lo ammetto, c'era la questione della vostra famiglia.<br />'''Lizzie''': Il nostro desiderio di fare amicizia? Questo non disturbava il signor Bingley.<br />'''Mr. Darcy''': No, c'era di più...<br />'''Lizzie''': Cosa signore?<br />'''Mr. Darcy''': La mancanza di contegno di vostra madre, delle vostre tre sorelle minori e talvolta di vostro padre... perdonate questo giudizio non riguarda voi e Jane.<br />'''Lizzie''': E il povero signor Wickham?<br />'''Mr. Darcy''': Il signor Wickham?!<br />'''Lizzie''': Quale scusa avete per il vostro comportamento nei suoi confronti?<br />'''Mr. Darcy''': È ardente il vostro interesse per lui!<br />'''Lizzie''': Mi ha raccontato le sue sventure...<br />'''Mr. Darcy''': Oh sì, le sue sventure sono state davvero grandi!<br />'''Lizzie''': Prima gli rovinate l'avvenire e poi usate un simile sarcasmo!<br />'''Mr. Darcy''': E così, questa è la vostra opinione su di me... Grazie per averla espressa con dovizia, potevate dimenticare le offese se non avessi ferito il vostro orgoglio...<br />'''Lizzie''': Il mio orgoglio?!<br />'''Mr. Darcy''': Confessando le mie riserve su una nostra relazione amorosa... Vi aspettavate che mi rallegrassi per l'inferiorità della vostra famiglia?<br />'''Lizzie''': Sono queste le parole di un gentiluomo? Sin dal primo momento la vostra arroganza, la presunzione e il disdegno per i sentimenti altrui mi hanno fatto capire che voi eravate l'ultimo uomo sulla terra che avrei mai potuto sposare!<br />'''Mr. Darcy''': Perdonatemi se vi ho rubato tutto questo tempo.
Utente anonimo