Differenze tra le versioni di "Primo Levi"

139 byte aggiunti ,  8 mesi fa
→‎Citazioni: +1 (https://books.google.it/?id=kDdnAAAAMAAJ&q=%22È+avvenuto,+quindi+può+accadere+di+nuovo:+questo+è+il+nocciolo+di+quanto+abbiamo+da+dire%22)
(→‎Citazioni: +1 (https://books.google.it/?id=kDdnAAAAMAAJ&q=%22È+avvenuto,+quindi+può+accadere+di+nuovo:+questo+è+il+nocciolo+di+quanto+abbiamo+da+dire%22))
===Citazioni===
*Non era semplice la rete dei rapporti umani all'interno dei Lager: non era riconducibile ai due blocchi delle vittime e dei persecutori. […] L'ingresso in Lager era invece un urto per la sorpresa che portava con sé. Il mondo in cui ci si sentiva precipitati era sì terribile, ma anche indecifrabile: non era conforme ad alcun modello, il nemico era intorno ma anche dentro, il «noi» perdeva i suoi confini. (p. 25)
*È avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire. (Einaudi tascabili, ''Conclusione'', p. 164)
*E'È ingenuo, assurdo e storicamente falso ritenere che un sistema infero, qual era il nazionalsocialismo, santifichi le sue vittime: al contrario, esso le degrada, le assimila a sé, e ciò è tanto più quanto più esse sono disponibili, bianche, prive di un'ossatura politica o morale. Da molti segni, pare che sia giunto il tempo di esplorare lo spazio che separa (non solo nei Lager nazisti!) le vittime dai persecutori. (p. 27)
*In secondo luogo, ed a contrasto con una certa stilizzazione agiografica e retorica, quanto più è dura l'oppressione, tanto più è diffusa tra gi oppressi la disponibilità a collaborare con il potere. (p. 30)
*Chi diventava Kapo? Occorre ancora una volta distinguere. In primo luogo, coloro a cui la possibilità veniva offerta, e cioè gli individui in cui il comandante del Lager o i suoi delegati (che spesso erano buoni psicologi) intravedevano la potenzialità del collaboratore: rei comuni tratti dalle carceri, […] Ma molti, come accennato, aspiravano al potere spontaneamente: lo cercavano i sadici […]. Lo cercavano i frustrati […] Lo cercavano, infine, i molti fra gli oppressi che subivano il contagio degli oppressori e tendevano inconsciamente ad identificarsi con loro. (p. 33)
1 013

contributi