Differenze tra le versioni di "Thomas de Quincey"

m (+cat)
==Citazioni di Thomas de Quincey==
*Non si [[fare|fa]] mai consapevolmente una cosa per l'ultima volta senza una certa tristezza nel cuore.<ref>Da ''Confessioni di un oppiomane''.</ref>
*Perché se un uomo si lascia andare una volta a un assassinio, presto comincerà a non farsi grande scrupolo di rubare, e dal rubare arriverà a bere, a non rispettare il giorno festivo, e di qui all'inciviltà e alla negligenza.<ref>Da ''L'assassinio come una delle belle arti'', traduzione di [[Massimo Bontempelli]], Istituto editoriale italiano, Milano, 1916.</ref>
 
==''Il postale inglese''==