Differenze tra le versioni di "Ronald Syme"

piccoli fix.
m (Bot: migrazione automatica di 1 collegamento interwiki a Wikidata: d:Q707856)
(piccoli fix.)
 
'''Ronald Syme''' (1903 – 1989), storico neozelandese.
 
*{{NDR|Su [[Tito Livio]]}} Non vi è prova che egli considerasse la storia dei re più autentica di quanto la ritenesse [[Marco Tullio Cicerone|Cicerone]]. Ma doveva narrarla. Abbandonando la leggenda, egli si tuffa nel romanzesco, senza avere la capacità di farne emergere i fatti certi. E sebbene nei libri seguenti Livio si muova su basi più sicure (e la guerra annibalica gli sia congeniale), egli è tradito dalla specifica ignoranza della politica e della vita militare, dalla mancanza di principî critici, e, soprattutto, dall'incapacità di dare forma e struttura al materiale.<br />Forse il meglio è andato perso. (da<ref>Da ''Tacito'')<ref>. Traduzione di C. Marocchi Santandrea, Paideia, Brescia, 1967, vol. I. Citato in Gian Biagio Conte, Emilio Pianezzola, ''Storia e testi della letteratura latina 2: {{small|la tarda repubblica e l'età di Augusto}}'', Le Monnier, Firenze, p. 811,. ISBN 88-00-42019-2.</ref>
 
==Note==
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w}}
 
{{stubs}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Storici|Syme, Ronald]]}}
[[Categoria:Neozelandesi|Syme, RonaldStorici]]
[[Categoria:Neozelandesi]]