Differenze tra le versioni di "Gaio Sallustio Crispo"

→‎La congiura di Catilina: +fonte incipit, formatto note e aggiungo spazio
(→‎La congiura di Catilina: +fonte incipit, formatto note e aggiungo spazio)
===[[Incipit]]===
====Originale====
''Omnis homines qui sese student praestare ceteris animalibus summa ope niti decet ne vitam silentio transeant, veluti pecora, quae natura prona atque ventri oboedientia finxit''.<ref name=":1">Da C. Sallusti Crispi, ''Catilina, Iugurtha – Historiarum fragmenta selecta – Appendix Sallustiana'', a cura di L.D. Reynolds, Oxford University Press, 1991. ISBN 0-19-814667-1</ref>
 
====Vittorio Alfieri====
 
====Giuseppe Pontiggia====
Tutti gli uomini che desiderano eccedere fra gli esseri del mondo, con ogni mezzo debbono prodigarsi per non condurre oscuramente la vita, come gli animali, che la natura ha foggiato con il capo rivolto a terra, e schiavi del ventre.<ref name=":0">traduzione italiana tratta daDa Sallustio'', ''La congiura di Catilina,'', a cura di G.[[Giuseppe Pontiggia]], Mondadori, Milano, 2010.</ref>
 
===Citazioni===
*Infatti la fama delle ricchezze e della bellezza è fugace e fragile, la virtù è considerata illustre ed eterna.<ref name=":0" />
:''Nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur''. (1.4)<ref name=":1">testo latino tratto da ''C.Sallusti Crispi Catilina. Iugurtha. Historiarum fragmenta selecta Appendix Sallustiana'' ,recognovit L.D. REYNOLDS, OXONII 1991 </ref>
*Volere e non volere le stesse cose, questa è la vera amicizia.<ref name=":0" />
:''Nam idem velle atque idem nolle, ea demum firma amicitia est''. (20, 4)<ref name=":1" />
:[...] ''neque bellum gerere neque pacem habere'' [...].
*Ma chi avrà da ridire su una punizione decretata contro assassini dello Stato? Le circostanze il tempo la sorte, il cui capriccio governa le genti.<ref name=":0" />
:''At enim quis reprehendet quod in parricidas rei publicae decretum erit? Tempus dies fortuna, quoius lubido gentibus moderatur''. (51,25)<ref name=":1" />
*Tutte le [[bontà e cattiveria|cattive]] azioni derivano e prendono a esempio delle [[bontà e cattiveria|buone]] azioni. (Cesare, commentando il precedente che costituirebbe la messa a morte di un cittadino romano: 51,27)<ref name=":0" />
:''Omnia mala exempla ex rebus bonis orta sunt''.<ref name=":1" />